Lee Bontecou

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Lee Bontecou (Providence, 15 gennaio 1931) è una scultrice statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cresce tra New York e la Nuova Scozia.[1] Dal 1952 al 1955 frequenta l'Art Students League di New York. Grazie a una borsa di studio si trasferisce a Roma dal 1956 al 1958[1][2]. Nel 1958 torna a New York e il suo lavoro artistico le fa ottenere una grande quantità di premi e riconoscimenti, come il Louis Comfort Tiffany Award, il Mademoiselle Woman of the Year, il secondo posto alla 28th Biennial of American Art della Corcoran Gallery of Art di Washington e il primo premio del National Institute of Arts and Letters.[1]

Nel 1960 tiene la sua prima mostra personale nella galleria di Leo Castelli, dove continuerà a esporre fino al 1970.[3]

Dal 1965 convive col marito William Giles, scultore, e la figlia Valerie a Greene Street.[1][3]

Dal 1970 insegna al Brooklyn College[1] fino al 1991, anno in cui si ritira a vita privata a Orbisonia, in Pennsylvania,[1] abbandonando l'ambiente artistico e continuando le sue opere lontano dai riflettori.[3] Torna alla ribalta nel 2003 grazie a una retrospettiva organizzata dall'Hammer Museum di Los Angeles, dal Museum of Contemporary Art di Chicago e dal Museum of Modern Art di New York.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Jo Applin, This Threatening and Possibly Functioning Object: Lee Bontecou and the Sculptural Void , Art History, 2006, pp. 476–503
  • Arthur Danto, A Tribe Called Quest, The Nation, 2004, p. 40-43
  • Douglas Dreishpoon, From a Curator's Point of View: Making Selections and Forging Connections: Lee Bontecou, Eva Hesse, Donald Judd, Sol LeWitt, Brice Marden, Robert Morris, Robert Smithson, Weatherspoon Art Gallery, University of North Carolina at Greensboro.
  • Helen Anne Molesworth, Part Object Part Sculpture, Wexner Center for the Arts, The Ohio State University, 2004.
  • A.T. Elizabeth, Lee Bontecou: A Retrospective, Museum of Contemporary Art, Chicago, 2003.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Lee Bontecou on artnet
  2. ^ MoMA | The Collection | Lee Bontecou. (American, born 1931)
  3. ^ a b c Art in the Studio: Lee Bontecou - Personal Inspiration - Part 2

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN47570649 · LCCN: (ENn86865129 · ISNI: (EN0000 0000 8126 6425 · GND: (DE119400243 · ULAN: (EN500024833