La rivolta dei racchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La rivolta dei racchi
fumetto
Lingua orig. italiano
Paese Italia
Autore Guido Buzzelli
Editore Istituto di Pedagogia, Università di Roma
Collana 1ª ed. Lucca Comics Almanacco
1ª edizione 1967

La rivolta dei racchi è un fumetto di Guido Buzzelli pubblicato nel 1967 su “Lucca Comics Almanacco” in occasione del “Salone di Lucca” dall'Istituto di Pedagogia dell'Università di Roma. Si tratta di un racconto rivoluzionario per l'epoca, sia per la lunghezza sia per i contenuti.

In Italia rimane sconosciuto per lungo tempo fino a che Georges Wolinski nel 1970 non lo trovò in un'edicola di Napoli. Innamoratosi di questo testo, lo pubblicò sulla sua rivista Charlie Mensuel, contribuendo al successo francese di Guido Buzzelli[1].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In un mondo diviso in due classi sociali, i belli vivono nell'agiatezza e nella superficialità edonistica, mentre i racchi vivono nelle profondità della Terra, sfruttati dai belli. A cambiare questa situazione sarà Spartak, un racchio che si erge a paladino della giustizia sociale. La rivolta che ne scaturisce sconvolgerà nel profondo l'equilibrio di questo mondo. La violenza e la brutalità incontrollata dei racchi porterà quindi a dei risvolti tutt'altro che positivi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nicola Andreani, Graphic Novel. Il fumetto spiegato a mio padre, Edizioni NPE (Nicola Pesce Editore), 2014, ISBN 88-97141-29-3.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Fumetti Portale Fumetti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fumetti