La morte di megalopoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La morte di Megalopoli
AutoreRoberto Vacca
1ª ed. originale1974
Genereromanzo
Sottogenerefantascienza apocalittica
Lingua originaleitaliano

La morte di Megalopoli è un romanzo breve di genere fantascientifico apocalittico scritto da Roberto Vacca e pubblicato nel 1974.

Il romanzo è basato sull'idea contenuta nel saggio precedente di Vacca Il medioevo prossimo venturo (1971).[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

In un futuro prossimo (identificato all'epoca nei primi anni novanta), basta un casuale incidente per provocare in una reazione a catena la completa disfatta e autodistruzione degli Stati Uniti, a causa del crollo di un sistema logistico-informativo-strutturale dimensionato al millesimo, che cede per via di un relativamente "piccolo" incidente.

Tra le varie anticipazioni contenute vi è una sorta di navigatore satellitare e un'integrazione dei sistemi di informazione. L'importanza che gli individui avevano nel "precedente" mondo non conta nulla e sono diversi i valori che essi distinguono nel nuovo, sebbene in generale il successo di ogni singolo duri pochi giorni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Roberto Vacca, La morte di Megalopoli, Oscar n.538, Arnoldo Mondadori Editore, 1974.
  • Roberto Vacca, La morte di Megalopoli, Oscar narrativa, Arnoldo Mondadori Editore, 1991, pp. ca. 174, ISBN 88-04-34744-9.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]