L'amuleto di Samarcanda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'Amuleto di Samarcanda
Titolo originaleThe Amulet of Samarkand
AutoreJonathan Stroud
1ª ed. originale2003
GenereRomanzo
SottogenereFantasy
Lingua originale inglese
SerieTrilogia di Bartimeus
Seguito daL'occhio del golem

L'Amuleto di Samarcanda è il primo libro della Trilogia di Bartimeus scritta da Jonathan Stroud. Il titolo originale in inglese è The Amulet of Samarkand.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il millenario jinn Bartimeus, colui che riedificò le mura di Uruk, di Karnak e di Praga, che parlò con Salomone, che corse nelle praterie insieme ai padri dei bufali, che sorvegliò l'Antico Zimbabwe fino a quando le pietre caddero e gli sciacalli mangiarono le sue genti, viene richiamato dall'Altro Luogo, il mondo degli Spiriti, ed evocato a Londra. La sua missione è tra le più difficili e pericolose: rubare l'Amuleto di Samarcanda a Simon Lovelace, mago senza scrupoli e membro del Parlamento. Ma il vero problema è che a chiamarlo è stato un ragazzo di dodici anni, Nathaniel, che riesce a governarlo fin quando lui non scoprirà il suo nome di nascita...

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Edizioni di L'amuleto di Samarcanda, su Catalogo Vegetti della letteratura fantastica, Fantascienza.com. (aggiornato fino al gennaio 2010)