La porta di Tolomeo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La porta di Tolomeo
Titolo originalePtolemy's Gate
AutoreJonathan Stroud
1ª ed. originale2005
GenereRomanzo
SottogenereFantasy
Lingua originaleinglese
SerieTetralogia di Bartimeus
Preceduto daL'occhio del golem
Seguito daL'anello di Salomone

La porta di Tolomeo è il terzo libro della Tetralogia di Bartimeus scritta da Jonathan Stroud. Il titolo originale in inglese è Ptolemy's Gate.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Tre anni dopo gli eventi narrati nell'Occhio del golem, il potere di Londra vacilla: scoppiano disordini, i cittadini si ribellano, gli spiriti si danno battaglia nelle strade. John Mandrake, divenuto Ministro dell'Informazione, è al culmine della notorietà e del potere; ma non può contare sull'aiuto di Bartimeus, il jinn che sin dall'inizio è stato al suo fianco, perché la lunga permanenza sulla Terra lo ha indebolito quasi mortalmente. Eppure Mandrake si rifiuta di lasciarlo andare per paura che altri si servano di lui, o forse perché è l'unico legame con la propria infanzia, quando John Mandrake era ancora Nathaniel. Ma il giovane e ambizioso ministro sta per pagare cara la sua strategia: qualcuno infatti evoca Bartimeus per coinvolgerlo in un pericolosissimo piano che vedrà spiriti e umani uniti contro il potere dei maghi.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]