L'agente di Bisanzio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'agente di Bisanzio
Titolo originale Agent of Byzantium
Autore Harry Turtledove
1ª ed. originale 1987
Genere antologia di racconti
Sottogenere ucronia
Lingua originale inglese

L'agente di Bisanzio (pubblicato anche con il titolo L'impero dei misteri) è una antologia di racconti di ucronia scritti da Harry Turtledove. Nel testo, Maometto non ha fondato una nuova religione ma si è convertito al cristianesimo e, di conseguenza, l'impero bizantino non ha mai subito l'invasione da parte degli arabi.

Il ciclo ha un generale tono di divertissment satirico, con frecciate destinate alla contemporaneità e un andamento da spy story leggera alla James Bond.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

L'irreale carta geopolitica in cui è ambientato il libro.

Il protagonista Basil Argyros è un magistrianos dell'Impero Bizantino, una via di mezzo tra un burocrate, un poliziotto e un agente segreto che, nel corso delle sue missioni, inventa o acquisisce numerose invenzioni altrui, quali il cannocchiale o la polvere da sparo, destinate a mutare la faccia del futuro dell'Impero Bizantino alternativo in cui la serie è ambientata.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • L'impero dei misteri (1987, collana Guerrieri Stellari n°2, ed. Peruzzo, trad. Paola Moraghi)
  • L'agente di Bisanzio (1996, collana Narrativa Nord n°68, ed. Nord, trad. Viviana Viviani)
  • Basil Argyros - Agente dell'impero di Bisanzio (2006, collana Odissea Fantasy n°2, ed. Delosbooks, trad. Viviana Viviani)