Kotromanić

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Kotromanić
Грб Котроманића штит.png
StatoTvrtko I Kotromanic grb.png Banato di Bosnia
Kraljevina Bosna steg.png Regno di Bosnia
TitoliCroix pattée.svg Re di Bosnia (1377-1463)
Croix pattée.svg Bano di Bosnia (1254-1377)
FondatorePrijezda I
Ultimo sovranoStefano Tomašević
Data di fondazioneXII secolo
Data di estinzione1463
Etniaserba
Stemma della famiglia Kotromanić

La famiglia Kotromanić è stata una dinastia feudale che ha regnato in Bosnia ed Erzegovina dal 1254 al 1463,[1] forse la più importante famiglia nella storia della Bosnia.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Capostipite della famiglia fu Prijezda I, bano di Bosnia dal 1254 al 1287,[1] a cui succedettero poi Prijezda II e Stefano I.[1]

Quest'ultimo dovette fronteggiare le pretese dei Šubić, che si autoproclamarono anch'essi bani di Bosnia dal 1299 al 1322. Il figlio Stefano II sconfisse i Šubić e riuscì a ottenere per la Bosnia lo sbocco sul mare.[1]

Alla sua morte, nel 1353 gli successe Tvrtko I, che nel 1377 elevò il titolo a quello di Re di Bosnia.[1]

L'ultimo re della famiglia Kotromanić fu Stefano Tomašević: con l'invasione ottomana e la decapitazione di Tomašević il 5 giugno 1463 si estinse la dinastia[1] e si chiuse la storia del Regno di Bosnia.

Tra i membri della famiglia, va citata anche Elisabetta di Bosnia (1340–1387), figlia di Stefano II, che, come seconda moglie di Luigi I d'Ungheria, fu regina consorte di Ungheria e di Polonia e, in seguito, reggente del trono d'Ungheria.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f AA.VV.
  2. ^ Malcolm, p. 364.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Kotromanić ‹kòtromanič'›, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 15 settembre 2013.
  • Noel Malcolm, Bosnia: A Short History, Londra, New York University Press, 1º ottobre 1996, ISBN 978-0-8147-5561-7.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN5824661 · GND (DE12283058X · CERL cnp00571843 · WorldCat Identities (ENviaf-5824661