Kingmaker

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Richard Neville, XVI conte di Warwick in una raffigurazione coeva del Rous Roll
Moneta di bronzo di Libio Severo, uno degli "imperatori-fantoccio" messi sul trono da goto Ricimero

Il termine inglese "Kingmaker" è un'espressione che originariamente si applicava alle attività di Richard Neville, XVI conte di Warwick — "Warwick the Kingmaker" — durante la Guerra delle due rose in Inghilterra[1].

L'espressione si applica generalmente a una persona o a un gruppo di persone che abbia grande influenza in una successione monarchica, senza poter a sua volta essere un possibile candidato. Il Kingmaker ha la possibilità di utilizzare un'influenza politica, economica, religiosa e/o militare nel processo di successione. In epoca moderna tale termine è usato per estensione per indicare chi ha grande influenza nelle elezioni delle più importanti cariche politiche.

Esempi storici[modifica | modifica wikitesto]

Le badesse Adelaide e Sofia I di Gandersheim, determinanti nella elezione di due imperatori del Sacro Romano Impero

Nella teoria dei giochi[modifica | modifica wikitesto]

Nella Teoria dei giochi, un Kingmaker è un giocatore che manca di sufficienti risorse o della posizione necessari a vincere un certo gioco, ma che tuttavia ha sufficienti risorse per decidere con le proprie azioni quale degli avversari potrà vincere.

Uso contemporaneo[modifica | modifica wikitesto]

Il termine "Kingmaker" è usato, per analogia, per indicare un personaggio politico che ha la possibilità di influenzare la scelta di un leader politico. Questo termine è sempre utilizzato in forma non ufficiale ed è spesso utilizzato con riferimento a contesti nei quali si sviluppano guerre di potere, come ad esempio la politica, le organizzazioni economiche, quelle sportive, etc. Vengono indicati con questa espressione i soggetti che vogliono governare le decisioni di un'organizzazione senza essere esposti direttamente. Il termine è spesso usato anche in senso deteriore con riferimento a elezioni o votazioni parlamentari, per riferirsi ad un piccolo gruppo di indipendenti che possiede un pacchetto di voti che può risultare decisivo ai fini di una certa decisione.

Oltre che a una singola persona, il termine "Kingmaker" può anche essere applicato a un'istituzione o a un think tank la cui opinione è tenuta in grande considerazione nell'organizzazione interessata. [2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ BBC News: "What is a 'kingmaker'?"
  2. ^ Massimo Gaggi, Bloomberg, il flop del Super Tuesday. Resterà in corsa o appoggerà Biden?, su Corriere della Sera, 3 aprile 2020. URL consultato il 4 marzo 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Politica Portale Politica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di politica