Tonyukuk

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tonyukuk
𐱃𐰆𐰪𐰸𐰸 (in turco antico)
Cancelliere del Secondo Khaganato turco
Nascita vicino al fiume Tuul, 646
Morte 726
Dinastia Ashide
Figli Po Beg
Religione Tengrismo

Tonyukuk (turco antico: 𐱃𐰆𐰪𐰸𐰸, Bilge Tuňuquq; cinese: 阿史德元珍; pinyin: Āshǐdé Yuánzhēn; 646Ötüken, 25 novembre 726) è stato un condottiero e politico turco, baga-tarkhan (capo militare) e consigliere di quattro successivi khagan gokturchi, Ilterish Khagan, Qapaghan Qagan, Inel Khagan e Bilge Khagan.

Nome[modifica | modifica wikitesto]

Il nome è scritto come t-o-ň-uq-uq (𐱃𐰆𐰪𐰸𐰸) nell'alfabeto turco antico, variamente interpretato come Tunuquq, Tonuquq, Tuj-uquq, Tony Yuguq, Tujun-oq, Tojuquq, con numerosi suggerimenti per la sua etimologia.[1]

Giovinezza[modifica | modifica wikitesto]

Nacque vicino al fiume Tuul nella tribù Ashide. Fuggì dai Tang nel 679 e si unì a Ilterish nel 681. Fu nominato da lui Apa Tarkhan.

Durante il regno di Ilterish[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene abbia perso le prime guerre contro Xue Rengui (薛仁贵), celebre generale cinese dell'epoca, Tonyukuk fu una forza formidabile nel fondare il Khaganato turco. Nel 687, cominciò un'altra invasione del regno dei Tang da parte di Ilterish Khagan e di Ashide Yuanzhen (阿史德元珍). L'imperatrice vedova Wu incaricò il generale di etnia baekje Heichi Changzhi, assistito da Li Duozuo, di difendere il regno contro l'attacco delle forze tujue, che riuscirono a sconfiggere at Huanghuadui (黃花堆, nella moderna Shuozhou, Shanxi) costringendole a fuggire.

Durante il regno di Qapaghan[modifica | modifica wikitesto]

Nel 703, fu mandato dal khagan in Cina per una proposta di matrimonio. L'imperatrice Wu accettò la proposta, in cambio suo nipote Wu Yanxiu, che era prigioniero di Qapaghan, fu da questi rilasciato. Tuttavia, l'ascesa al trono dell'imperatore Zhongzong cambiò il clima politico e il matrimonio fu cancellato.

Nel 712, Tonyukuk comandò l'esercito tujue durante la battaglia di Bolchu che si rivelò disastrosa per l'esercito turgesh.

Durante il regno di Inel[modifica | modifica wikitesto]

Non fu attivo in politica durante il regno di Inel, sebbene Mihály Dobrovits ritenga che lo abbia accettato come legittimo sovrano.[2]

Durante il regno di Bilge[modifica | modifica wikitesto]

Nel 716 fu nominato Stratega Supremo (Bagha Tarkhan) da suo genero Bilge Khagan.

A un certo punto della sua vita, Bilge Khagan voleva convertire il popolo al buddhismo e farlo stabilire nelle città, anziché negli accampamenti come era stato fino ad allora secondo la tradizione nomade. Tuttavia, Tonyukuk lo dissuase, citando i piccoli numeri dei Tujue[3] e la loro vulnerabilità all'attacco cinese. La forza militare dei Turchi poggiava infatti sulla loro mobilità, mentre la conversione al buddhismo avrebbe portato il pacifismo tra la popolazione. Perciò, rimanere fedeli al tengrismo era necessario per sopravvivere.[4][5]

Nel 720 il cancelliere dei Tang Wang Jun propose un piano per attaccare Bilge Khaghan insieme ai Baximi, agli Xi e ai Khitani.[6] L'imperatore Xuanzong reclutò anche i figli di Qapaghan Khagan Bilge Tigin e Mo Tigin, il khagan dei Kirghisi dello Enisej Kutluk Bilge Khagan e Huoba Guiren per combattere contro i Tujue. Tonyukuk astutamente lanciò il primo attacco su Baximi nell'autunno 721, schiacciandoli completamente. Nel frattempo, Bilge depredò Gansu, prendendo gran parte del bestiame. Più tardi quell'anno furono schiacciati anche i Khitani e l'anno successivo gli Xi.

Morì nel 726.

Famiglia[modifica | modifica wikitesto]

Fu padre di El Etmish Bilge Khatun e suocero di Bilge Khagan, quindi nonno di Yollıg e Tengri Qaghan.

Eredità[modifica | modifica wikitesto]

La sua biografia, le sue imprese e i suoi consigli per l'amministrazione dello stato furono scolpiti nel cosiddetto alfabeto dell'Orkhon su due stele erette nel 716 (prima della sua morte) in un sito noto come Bayn Tsokto, nel distretto di Nalajh di Ulan Bator.[7]

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

  • Ritratto da Kim Seong-hun nella serie televisiva del 2006-2007 della KBS Dae Jo Yeong.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ V.M. Nadelyaev, Orhon–Eniseisk mark’s reading and Etymology of the name of Tonuquq, Turkology researches M.L., 1963, pp. 197–213; A.C. Amanzholov, Talas, Enisey and Orhon inscriptions’ graphics, Kazakh language and literature, Almaty, KAz SU, 1973; A.C. Amanzholov, Old Turkic inscriptions History and Theory, Almaty, 2003, pp. 56–57.
  2. ^ M. Dobrovits, Textological Structure and Political Message of the Old Turkic Runic Inscriptions (PDF), in Türk Dilleri Araştırmaları, n. 18, 2008, pp. 149-153.
  3. ^ Denis Sinor (a cura di), The Cambridge History of Early Inner Asia, vol. 1, Cambridge University Press, 1990, pp. 312–313, ISBN 978-0-521-24304-9.
  4. ^ Wenxian Tongkao, 2693a
  5. ^ Nuovo libro dei Tang, vol 215-II
  6. ^ Vecchio libro dei Tang, Vol. 194-I
  7. ^ Per il sito vedi Sören Stark, Die Alttürkenzeit in Mittel- und Zentralasien. Archäologische und historische Studien (Nomaden und Sesshafte), vol. 6, Wiesbaden, Reichert Verlag, 2008, pp. 75–76, ISBN 978-3-89500-532-9.. Ross (1930): "Circa 48° N. e un po' più di 107° W. di Greenwich, vicino a un luogo che si dice abbia il nome di Bain Chokto, tra la stazione di posta di Nalaikha e la riva destra delle acque superiori del Tola."

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • E. Denison Ross, The Tonyukuk Inscription, Being a Translation of Professor Vilhelm Thomsen's final Danish Rendering, in Bulletin of the School of Oriental Studies, University of London, 1930.
  • Nathan Light, An 8th Century Turkic Narrative: Pragmatics, Reported Speech and Managing Information, in Turkic languages, vol. 10, n. 2, 2006, pp. 155–186.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]