Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Aeroporto Internazionale di Riad-Re Khalid

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da King Khalid International Airport)
Jump to navigation Jump to search
Aeroporto Internazionale di Riad-Re Khalid
Riyadh-airport.jpg
Codice IATARUH
Codice ICAOOERK
Nome commercialeKing Khaled International Airport
Descrizione
TipoCivile
StatoArabia Saudita Arabia Saudita
Provinciaprovincia di Riad
CittàRiad
Altitudine AMSL625 m
Coordinate24°57′28″N 46°41′56″E / 24.957778°N 46.698889°E24.957778; 46.698889Coordinate: 24°57′28″N 46°41′56″E / 24.957778°N 46.698889°E24.957778; 46.698889
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Arabia Saudita
OERK
OERK
Sito web
Piste
Orientamento (QFU)LunghezzaSuperficie
15R/33L4.205
Asfalto
15L/33R4.205
Asfalto
Dati estratti dall'AIP dell'Arabia Saudita.[1]
verificato il 7 settembre 2015

L'Aeroporto Internazionale di Riad-Re Khalid (in arabo: مطار الملك خالد الدولي‎, Maṭār al-malik Khālid al-Duwalī ) (IATA: RUHICAO: OERK), commercialmente noto come King Khaled International Airport,[1] è un aeroporto situato a 35 km a nord di Riad, in Arabia Saudita. La struttura è intitolata a Khalid dell'Arabia Saudita (1913-1982), quarto Re del moderno regno dell'Arabia Saudita.

È uno dei siti indicati per l'atterraggio di emergenza dello Space Shuttle in caso di interruzione repentina della missione.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dall'agosto 1990 al maggio 1991, la United States Air Force ha temporaneamente trasformato l'aeroporto in una base aerea per le operazioni di rifornimento aereo durante la Guerra del Golfo. Le famiglie dei lavoratori dell'aeroporto vivono vicino ad esso.

Sviluppi futuri[modifica | modifica wikitesto]

Dati tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b OERK — Riyadh/King Khaled International[collegamento interrotto], eAIP Kingdom of Saudi Arabia.
  2. ^ (EN) John Pike, SPACE SHUTTLE EMERGENCY LANDING SITES, in Military, http://www.globalsecurity.org, 2 novembre 2010. URL consultato il 27 aprile 2005.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]