Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Kenwa Mabuni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Kenwa Mabuni
Mabuni Kenwa.jpg
Nazionalità Giappone Giappone
Karate Karate icon.svg
Specialità Shitō-ryū
Ranking Sōke, Fondatore dello Shitō-ryūº
 

Kenwa Mabuni (Shuri, 1889Tokyo, 1952) è stato un karateka e maestro di karate giapponese.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  1. Kenwa Mabuni era pari livello con Funakoshi Gichin (fondatore dello stile Shotokan).
  2. Funakoshi Gichin imparò i kata da Kenwa Mabuni: Per espandere la sua conoscenza inviò il figlio Gigō per studiare i kata nel dōjō di Mabuni a Osaka.[1]
  3. Kenwa Mabuni, Motobu Chōki ed altri Okinawensi insegnarono attivamente il karate in Giappone prima che Gichin Funakoshi importasse "ufficialmente" il karate da Okinawa nelle isole principali del Giappone.
  4. Shitō-ryū (糸東流) è una scuola di karate fondata da Kenwa Mabuni nel 1931.[2] Nel 1939 lo stile fu ufficialmente registrato alla Sede Centrale del Butoku Kai.[3]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato nel 1889 a Shuri (ora sobborgo di Naha) ad Okinawa, Mabuni Sensei era un discendente della famosa famiglia Samurai Onigusukini. Forse a causa della sua costituzione debole, all'età di 13 anni, iniziò l'addestramento nell'arte dello Shuri-te (首里手) nella sua piccola città, sotto la tutela del leggendario Ankō Yasutsune Itosu (糸州安恒) (1813 -1915). Si addestrò assiduamente per molti anni, imparando parecchi kata da questo grande maestro. Fu Itosu che per primo sviluppò i kata Pinan deducendoli probabilmente dalla forma 'Kusanku'. Uno dei suoi migliori amici, il Sensei Chōjun Miyagi (宮城長順) (fondatore del Gōjū-ryū), presentò Mabuni ad un altro grande maestro di quel periodo: Sensei Higaonna Kanryō (東恩納寛量), con il quale imparò il Naha-te (那覇手). Sia Itosu che Higaonna gli insegnarono lo stile 'duro-morbido' del "Te" di Okinawa, ma i loro metodi erano piuttosto differenti: il programma di studi di Itosu includeva tecniche forti e lineari, come esemplificato nei kata Naifanchi e Bassai, invece il programma di Higaonna dava maggiore rilevanza alle tecniche circolari e ad altri metodi di combattimento, come nelle famose forme Seipai e Kururunfa. Dal quel momento in poi lo Shitō-ryū si concentrò sulle tecniche "dure e morbide".

Mabuni pubblicò diversi libri sull'argomento e continuò a sistematizzare il suo metodo di allenamento. Nei suoi primi anni sviluppò dei kata formali, ovvero Aoyagi e Meijō, per esempio, i quali furono designati specificatamente per l'autodifesa delle donne.[4] Forse più di ogni altro maestro del secolo scorso, Mabuni si dedicava alle tradizioni e alla storia del Karate-do con un contemporaneo sguardo al futuro, abbastanza per rendersi conto che si sarebbe potuto diffondere in tutto il mondo. Al giorno d'oggi lo Shitō-ryū riconosce le influenze di Itosu e di Higaonna: l'insieme dei kata dello Shito-ryū è infatti ancora spesso elencato in modo tale da mostrare entrambi i linguaggi.

Morì nel 1952. Gli successero i figli Kenei e Kenzo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mabuni, Kenei (2009): Empty Hand - The Essence of Budo Karate. Chemnitz: Palisander Verlag, p. 51. ISBN 978-3-938305-13-3
  2. ^ Shitoryu History, Sensei Tanzadeh Shitoryu Karate Do Cyber Academy Archiviato il 16 luglio 2012 in Archive.is.
  3. ^ Habersetzer, Gabrielle & Roland (2004): Encyclopédie des arts martiaux de l'Extrême-Orient, Ed. Amphora, Paris, p. 442. ISBN 978-2-85180-660-4
  4. ^ Mabuni, Kenei (2009): Empty Hand - The Essence of Budo Karate. Chemnitz: Palisander Verlag, p. 16. ISBN 978-3-938305-13-3

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN256564539 · ISNI (EN0000 0003 7823 6294 · LCCN (ENno2016025727