Kento

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Kento (disambigua).
Kento
NazionalitàItalia Italia
GenereConscious hip hop[1]
Hip hop
Periodo di attività musicale1994 – in attività
EtichettaRelief Records Europe
Album pubblicati7

Francesco "Kento" Carlo (Reggio Calabria, 18 novembre 1976) è un rapper italiano. Attivo già dai primi anni '90,[2] può essere inquadrato nel filone musicale del rap militante/rap impegnato.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato il 18 novembre del 1976 e cresciuto a Reggio Calabria, Francesco "Kento" Carlo si avvicina al microfono nei primi anni '90 mosso da un naturale approccio antagonista e ispirato dal rap combattente delle posse attive in quegli anni. Trasferitosi a Roma nel 1995, Kento si unisce al collettivo de "Gli Inquilini", con cui - tra il 2003 e il 2007- produce 4 album. Nel frattempo consolida il suo progetto tra l'Hip hop e il Reggae (tuttora attivo) con i reggini Kalafro Sound Power, il cui disco d'esordio, "Solo l'Amore", vede la luce nell'estate 2007. Esce nel 2009 il suo disco d'esordio solista "Sacco o Vanzetti" raccogliendo critiche e recensioni positive[3].[4] Nel 2010 ritorna assieme ai suoi Kalafro con "Resistenza sonora", album di rivolta contro l'oppressione della malavita organizzata[5][6] e delle ingiustizie di uno stato sempre più avulso, e con l'omonimo singolo "Resistenza Sonora". È inoltre il primo rapper di matrice Hip hop a partecipare ad una finale del Premio Tenco, nell'edizione 2016.[7][8][9]

È autore di una rubrica sul quotidiano il Fatto Quotidiano dal titolo "Il blog di Kento".[10]

Sacco o Vanzetti[modifica | modifica wikitesto]

Sacco o Vanzetti è l'album di esordio solista di Kento, pubblicato nel dicembre 2009 sotto etichetta Relief Records EU. Ispirato alla vicenda dei due anarchici italiani ingiustamente condannati a morte negli Stati Uniti, Sacco o Vanzetti è composto da 15 tracce + 2 tracce bonus, e contiene preziose collaborazioni con artisti della scena Hip Hop e non, tra cui spiccano Tayo "Hyst" Yamanouchi, Lord Madness, Jungla Beat, il veterano della scena Hip hop/ punk Chef Ragoo e la band romana Torpedo, che ha curato le musiche della title track. Le produzioni musicali sono affidate al Beatmaker napoletano Matteo "Peight" Vitagliano.

Nel 2017 è stato pubblicato l'ultimo cd del rapper, dal titolo "Da Sud". Il video del secondo singolo estratto dal suo nuovo lavoro, dal titolo "H.I.P. H.O.P.", realizzato in collaborazione con i Voodoo Brothers, è stato presentato in esclusiva da Fanpage.it.[11]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • 2003 - Gli Inquilini: Benvenuti nel Paese dei Mostri (autoproduzione)
  • 2004 - Gli Inquilini: Bentornati nel Paese dei Mostri (Antibemusic, etichetta indipendente)
  • 2005 - Kalafro Sound Power: Bergamotto Show Case
  • 2005 - Gli Inquilini: Il Mondo Nuovo (Antibemusic, etichetta indipendente)
  • 2007 - Gli Inquilini: I Mostri Capitolo Terzo (Goodfellas)
  • 2007 - Kalafro Sound Power: Solo l'Amore (Cd Club Entertainment)
  • 2009 - Sacco o Vanzetti (Relief Records Eu, etichetta indipendente)
  • 2010 - Kalafro Sound Power: Resistenza Sonora (Relief Records Eu, etichetta indipendente)
  • 2014 - Con The Voodoo Brothers: Radici (Relief Records Eu, etichetta indipendente)

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

È autore del libro: Resistenza Rap (Musica, lotta e (forse) poesia: come l'Hip-Hop ha cambiato la mia vita. Round robin editrice, ISBN 9788898715695[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Copia archiviata, su honiro.it. URL consultato il 21 novembre 2016 (archiviato dall'url originale il 21 novembre 2016).
  2. ^ Cornetto&Cappuccino – Kento: qualcuno vi ha mai detto che a canzoni si fan rivoluzioni, si possa far poesia?, su archive.fo. URL consultato il 14-12-2010.
  3. ^ "Sacco o Vanzetti suona duro come un pugno quando deve attaccare (La Verità), soul e sognante quando diventa autobiografico (All'Orizzonte), trascinante e rock quando incita, senza retorica, a restare in piedi (Nel Mio Mondo). Suggerimento: se invece di chiamarlo rapper mettessimo Kento alla voce cantautore?" [XL di Repubblica, febbraio 2010]. "Sacco o Vanzetti è un capolavoro che, a nostro parere, si guadagna il titolo di "disco dell'anno", e forse anche qualcosa in più - http://www.wildstylers.com/ Archiviato il 13 febbraio 2010 in Internet Archive. "Primo avvertimento: "Sacco o Vanzetti" è un disco che rasenta la perfezione, ma non saprei spiegarvi il perché http://www.rapmaniacz.com/
  4. ^ La trasversalità del progetto è testimoniata anche dai più differenti palcoscenici calcati da Kento nel tour di presentazione del disco nel 2010, in situazioni che passano dai locali più underground ai festival di piazza, come lo storico Festival Resistente che si celebra il 25 aprile a Grosseto, il Primo Maggio dei centri sociali a Milano e la notte Bianca di Zagarolo (Rm): http://www.controluce.it/index.php?option=com_content&view=article&id=39075%3Anotte-bianca-di-zagarolo&catid=673%3Azagarolo&Itemid=503).
  5. ^ Un cd prodotto contro la mafia? Non è uno scherzo, ma la curiosa vicenda del nuovo album Resistenza Sonora della formazione reggina Kalafro. Il cd, infatti, è stato realizzato con il supporto del Museo della ndrangheta di Reggio Calabria, istituzione culturale di contrasto alle mentalità mafiose, che opera proprio grazie ai beni confiscati ai clan e alle associazioni criminali(Rm): Copia archiviata, su italia-news.it. URL consultato il 19 gennaio 2011 (archiviato dall'url originale il 16 gennaio 2011).
  6. ^ RAI News 24 - Kalafro. RESISTENZA SONORA - YouTube
  7. ^ Matteo Politanò, Rap, Eminem contro Trump, il disco di Common e un rapper al premio Tenco - Panorama, in Panorama, 21 ottobre 2016. URL consultato il 28 novembre 2016.
  8. ^ a b Kento, il mio rap pronipote diretto del blues - Musica, in ANSA.it, 17 novembre 2016. URL consultato il 28 novembre 2016.
  9. ^ L'hip hop ed il 'rap' al Premio Tenco 2016: Kento sarà l'unico rapper ospite della serata finale, su Sanremonews.it, 17 ottobre 2016. URL consultato il 29 novembre 2016.
  10. ^ Kento, Il Fatto Quotidiano, su Il Fatto Quotidiano. URL consultato il 28 novembre 2016.
  11. ^ Il video di H.I.P. H.O.P. di Kento in esclusiva su Fanpage.it.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]