Kenny Clarke

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kenny Clarke (Klook)
Fotografia di Kenny Clarke (Klook)
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Jazz
Bebop
Hard bop
Periodo di attività 1935 – 1985
Sito web

Kenny "Klook" Clarke (nato Kenneth Clarke Spearman, nome poi cambiato in Liaqat Ali Salaam; Pittsburgh, 9 gennaio 1914Parigi, 26 gennaio 1985) è stato un batterista statunitense, uno dei principali innovatori dello stile bebop.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Proveniente da una famiglia di musicisti, Clarke iniziò la sua carriera suonando con Roy Eldridge nel 1935. Dopo essersi trasferito a New York, Kenny divenne il batterista stabil del Minton's Playhouse all'inizio degli anni 1940 e, come tale, prendeva regolarmente parte alle famose jam session che vi si svolgevano a tarda ora, nelle quali prese forma lo stile che fu poi detto bebop. A Clarke (che per questo venne soprannominato "Klook" o "Klook-mop") viene attribuito il merito di aver dato vita alla tecnica di usare il piatto ride per tenere il tempo (la tecnica standard - che Clarke chiamava "spalare il carbone" - era fino ad allora di tenere il tempo sul rullante e sulla cassa).


« Tutti i batteristi devono essere grati a Kenny per l'introduzione di questo stile »
(Ed Thigpen)

A partire dal 1951, Clarke fu per un certo periodo il batterista di studio della Savoy Records, che gli permise di figurare su un gran numero di fondamentali registrazioni. Negli stessi anni fu tra i membri fondatori del Modern Jazz Quartet: sostituito nel 1955 da Connie Kay, Clarke emigrò a Parigi, dove continuò a suonare con i musicisti americani di passaggio, formando anche a questo scopo un trio, "The Bosses", con Bud Powell al piano e Pierre Michelot al basso. Nel 1961, su idea del produttore italiano Gigi Campi, Clarke fondò, assieme al pianista belga Francy Boland, un vera e propria big band con musicisti Europei e Americani, una formazione che fu in attività per undici anni.

Dopo questa esperienza, Clarke continuò un'attività free-lance fino alla sua morte.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 116335684 LCCN: n81055676