Karl Bülowius

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Karl Bülowius
2 marzo 1890 – 27 marzo 1945
Nato aKönigsberg
Morto aCamp Forrest, Tennessee
Dati militari
Paese servitoGermania Impero tedesco (sino al 1918)
Germania Repubblica di Weimar (sino al 1933)
Germania Germania nazista
Forza armataDeutsches Heer
Anni di servizio1908 - 1945
GradoGeneralleutnant
GuerrePrima guerra mondiale
Seconda guerra mondiale
CampagneFronte orientale
Campagna del Nordafrica
BattaglieBattaglia di Bzura
Assedio di Tobruk
Seconda battaglia di El Alamein
Battaglia di Sidi Bou Zid
voci di militari presenti su Wikipedia

Karl Bülowius (Königsberg, 2 marzo 1890Camp Forrest, 27 marzo 1945) è stato un generale tedesco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Karl Bülowius nacque il 2 marzo 1890 a Königsberg.[1] Egli aderì all'esercito tedesco nel 1908 divenendo ufficiale cadetto del reparto di ingegneria, venendo promosso al rango di Luogotenente dall'anno successivo.[1][2]

La prima guerra mondiale ed il periodo tra le due guerre[modifica | modifica wikitesto]

Bülowius prese parte alla prima guerra mondiale come geniere in Europa ed in Palestina.[1][2] Durante il 1918 (ultimo anno della guerra), Bülowius venne elevato al rango di Capitano.[1] La prima guerra mondiale terminò sei mesi dopo, l'11 novembre, con la sconfitta della Germania e dei suoi alleati ed a questo punto egli decise di abbandonare l'esercito il 31 dicembre 1920 in opposizione al decreto del Trattato di Versailles che limitava fortemente l'esercito tedesco.

Ad ogni modo, Bülowius ritornò in servizio quattro anni dopo (durante l'età d'oro della Repubblica di Weimar) e prestò servizio nuovamente nei reparti di genieri e nella cavalleria sino all'inizio degli anni '30.[1]

La seconda guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Allo scoppio della seconda guerra mondiale egli ottenne il comando del Oberbaustab X.[1] Bülowius divenne ufficiale comandante del reparto dei genieri (Pionierführer) dell'8. armee dal 26 ottobre 1939.[1] Il successo procuratogli da questo incarico lo portò al passaggio alla 9. Armee dal 15 maggio 1940.[1] Trasferito quindi in Nord Africa, Bülowius ottenne il comando dei genieri della Panzerarmee Afrika dal 25 ottobre 1942. Tra il 17 ed il 25 febbraio 1943 fu comandante dell'intero gruppo.[1] Bülowius mantenne la posizione di comando anche nella divisione von Manteuffel dall'aprile 1943 sino a quando non venne catturato il mese successivo.[1]

Catturato dalle truppe statunitensi il 9 maggio 1943 sul finire della campagna nordafricana che terminò il 16 maggio di quell'anno,[1] Bülowius terminò così la propria carriera nell'esercito tedesco venendo deportato in America nel campo di prigionia di Camp Forrest nel Tennessee ove si suicidò il 27 marzo 1945.[1]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze tedesche[modifica | modifica wikitesto]

Croce di Ferro di I classe (con fibbia 1939) - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di I classe (con fibbia 1939)
Croce di Ferro di II classe (con fibbia 1939) - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di II classe (con fibbia 1939)
immagine del nastrino non ancora presente Medaglia d'argento dell'Ordine militare della Croce Tedesca
Croce d'onore della Grande Guerra - nastrino per uniforme ordinaria Croce d'onore della Grande Guerra

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l Karl Bülowius' information (French), Pagesperso-orange. URL consultato il 27 aprile 2010.
  2. ^ a b Additional information about Karl Bülowius (translated from German), Wehrmachtlexikon. URL consultato il 10 maggio 2010.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Lannoy, Francois de; Josef Charita (2001). Panzertruppen: Les Troupes Blindees Allemandes German Armored Troops 1935-1945. Heimdal. ISBN 2840481510.
  • Sönke Neitzel: Abgehört - Deutsche Generäle in britischer Kriegsgefangenschaft 1942-1945, Propyläen 2005, ISBN 3-549-07261-9

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN52718772 · GND (DE127683577
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie