Julia Bornefeld

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Julia Bornefeld (Kiel, 1963) è un'artista tedesca, che vive a Berlino e Brunico.

Ha studiato all'Accademia di Belle Arti di Venezia e all'Akademia Likovna Umjetnost di Lubiana[1].

Bornefeld si esprime attraverso la pittura, la fotografia, le installazioni e il video, ma il suo linguaggio fondamentale di riferimento è la danza. Riferimenti biografici e mitologici sono spesso legati da Bornefeld ai temi del dibattito femminista degli anni Sessanta e Settanta del novecento.[2].

Sue opere sono presenti nella collezione del Museion di Bolzano e nel Tiroler Landesmuseum Ferdinandeum di Innsbruck.

Selezione di mostre[modifica | modifica wikitesto]

  • Stadtgalerie Kiel, Kiel, 1992
  • Sculpture, Galerie Elisabeth & Klaus Thoman, Innsbuck, 2005 (collettiva)
  • Icona 2006 Art Verona, Antonella Cattani conteporary art, Verona, 2006 (personale)
  • Haut-nah, Kunstraum Kreuzlingen, Kreuzlingen, 2006 (personale)
  • Die Kunst der Landwirtschaft, Landesmuseum Ferdinandeum, Innsbruck, 2007 (collettiva)
  • New Entries, Museion Bolzano, 2009 (collettiva)
  • Marcegaglia 50th Steellife, Triennale di Milano, 2009 (collettiva)
  • Narrative, RLB, Kunstbruecke Innsbruck, 2009 (collettiva)
  • La collezione Museion, Museion, Bolzano, 2011 (collettiva)
  • Galerie Wolfrum, Vienna, 2014 (personale)
  • Vanity and High Fidelity Tiroler Landesmuseum Ferdinandeum, Innsbruck, 2011 (personale)

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Premio Joe-und-Xaver-Fuhr, 1990
  • Förderpreis del Land Schleswig-Holstein, 1991
  • Premio Gottfried Brockmann, Kiel, 1991
  • Premio Icona, Art Verona, 2006

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ CV Julia Bornefeld, su juliabornefeld.com. URL consultato l'11 settembre 2015.
  2. ^ (ITDE) Heinrich Schwazer e Letizia Ragaglia, Der goldene Schuss, Galerie Elisabeth & Klaus Thoman, Innsbruck, Antonella Cattani contemporary art, Bozen/Bolano, Galerie Marie-Josè van de Loo, München, Galerie Klaus Benden, Köln, 2010.
Controllo di autoritàISNI (EN0000 0000 1268 3372