Jon Landau

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il produttore cinematografico nato nel 1960, vedi Jon Landau (produttore cinematografico).

Jon Landau (14 maggio 1947) è un critico musicale, produttore discografico, produttore cinematografico e manager musicale statunitense.

È diventato celebre scrivendo il 22 maggio 1974 sulle pagine del The Real Paper di Boston, un articolo che citò la seguente frase: "Ho visto il futuro del rock'n'roll e il suo nome è Bruce Springsteen" dopo essere rimasto impressionato da una esibizione di Springsteen all'Harvard Square Theatre di Cambridge, in Massachusetts.

Da critico, Landau ha scritto per la rivista Rolling Stone sin dalla sua prima uscita e anche altre pubblicazioni successive. Nel primo volume, il n.1 della Rolling Stone, pubblicato il 9 novembre 1967, Landau ha confrontato il chitarrista Jimi Hendrix e il suo album di debutto, Are You Experienced, con Eric Clapton e il suo album di debutto, Fresh Cream.

I numeri successivi videro Landau puntare più tradizionale R & B e territorio dell'anima con i profili di Aretha Franklin, [5] e Sam e Dave, [6] più un apprezzamento postumo Otis Redding.

L'articolo profetico di Landau del 1974 in The Real Paper, [1] in cui affermava che "ho visto il futuro del rock and roll e il suo nome è Bruce Springsteen", è accreditato da Nick Hornby [7] .

Landau è stato poi ingaggiato da Springsteen, ed è citato come co-produttore per i dischi di Springsteen, dal 1975 con Born to Run, passando per Human Touch del 1992 e Lucky Town.

Si ritiene che abbia influenzato Springsteen artisticamente [8] e professionalmente.

Altri artisti per cui Landau ha scritto sono MC5, Livingston Taylor, Jackson Browne, Natalie Merchant, Alejandro Escovedo, Train e Shania Twain.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]