Jewish News One

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jewish News One
Stato Belgio Belgio
Lingua inglese
Tipo all-news
Slogan Informing Opinion, Expanding Horizons (Cultura e informazione allargano gli orizzonti)
Versioni Jewish News One
(data di lancio: 21 settembre 2011)
Data chiusura 22 aprile 2014
Sito jn1.tv
Diffusione
Satellite
Digitale
Astra 4A
Europa
Jewish News One (DVB-S - )
11766 H - 27500 - 3\4


Eutelsat Hot Bird 13D
Europa
Jewish News One ( - )
11034 V - 27500 - 3\4


Galaxy 19
Nord America
Jewish News One (DVB-S - )
12053 V - 22000 - 3\4


GloryStar
Nord America
Jewish News One (DVB-S - )
- -
canale 902

Jewish News One (abbreviano in JN1) è stato un canale televisivo all-news che trasmetteva in tutto il mondo via satellite, dedicato ai telespettatori di religione ebraica. La sede di questo canale era situata a Bruxelles, in Belgio.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Jewish News One ha iniziato le proprie trasmissioni via satellite ha iniziato ufficialmente in Europa il 21 settembre 2011[1]. Tuttavia, la rete era stata utilizzata per un certo tempo prima di questa data, con il loro primo uploading video di YouTube come canale già il 7 settembre 2011. Poco dopo il 21 settembre del 2011, la copertura satellitare è stata ampliata per Nord America e in Eurasia.

Il canale non riceveva alcun finanziamento dal governo israeliano. La rete era di proprietà degli ucraini Igor Kolomoisky e Vadim Rabinovich, presidente e vicepresidente, rispettivamente, della European Jewish Union (EJU), con sede a Bruxelles che è l'organismo delle comunità e organizzazioni ebraiche in Europa.

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Uffici[modifica | modifica wikitesto]

Jewish News One aveva uffici e studi a Bruxelles (dove era situata anche la sede), Kiev e Tel Aviv.

Corrispondenti[modifica | modifica wikitesto]

Personale[modifica | modifica wikitesto]

Programmazione[modifica | modifica wikitesto]

Jewish News One era un canale all-news che trasmetteva 24 ore su 24 un flusso di notizie in particolar modo sul mondo ebraico. Ogni ciclo iniziava con i titoli, proseguiva con notizie e interviste e terminava con un video riguardante una notizia, senza narrazione. Non vi erano interruzioni pubblicitarie.

La programmazione era disponibile solo in lingua inglese, ma Jewish News One aveva annunciato l'intenzione di trasmettere in otto lingue, tra le quali russo, ucraino, francese, spagnolo, ebraico, italiano e tedesco[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ MO: AL VIA CANALE ALL NEWS CON PROSPETTIVA EBRAICA - Israele - ANSAMed.it, su www.ansamed.info. URL consultato il 27 dicembre 2017.
  2. ^ (EN) Luke Browne, 'JN1 won't become a propaganda station', in The Guardian, 27 settembre 2011. URL consultato il 27 dicembre 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]