Jesús Chávez

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jesús Chávez
Nazionalità Messico Messico
Altezza 167 cm
Pugilato Boxing pictogram.svg
Categoria Pesi leggeri
Carriera
Incontri disputati
Totali 52
Vinti (KO) 44 (30)
Persi (KO) 8 (4)
Pareggiati 0
Palmarès
2003-2004Titolo mondiale WBCsuperpiuma
2005-2007Titolo mondiale IBFleggeri
 

Jesús Gabriel Sandoval Chávez (Parral, 12 novembre 1972) è un pugile messicano.

È soprannominato El Matador (in italiano "l'assassino"). Questo nomignolo non è dovuto a massacri sul ring, ma in onore ad una palestra a lui cara, di nome "the Matador". Chávez è stato campione WBC dei superpiuma IBF dei leggeri.

Nato a Parral, nello stato di Chihuahua, Messico, ha un record di 44 vittorie (di cui 30 arrivate per KO) e 5 sconfitte.

La sua prima possibilità di conquistare un titolo è arrivata contro Floyd Mayweather Jr., che lo ha steso al tappeto alla 9ª ripresa dopo un match combattuto e chiuso. Tuttavia ha vinto quella corona (che nel frattempo era stata resa vacante da Mayweather) nel 2003, perdendola però contro il compatriota Érik Morales. L'incontro, molto attivo e piacevole, ha visto Chavez mettere al tappeto l'avversario con un KO fulmineo al 1º round. Morales ha recuperato, stendendo a sua volta il rivale per due volte nella 2ª ripresa, ma quest'ultimo non si è arreso e ha combattuto duro per il resto della gara, pur avendo una mano infortunata. Tuttavia i suoi sforzi non sono bastati, in quanto è stato Morales a vincere, ai punti dopo 12 riprese. Nonostante ciò la sua prestazione da vero combattente gli ha dato il rispetto di molte persone. Il match successivo lo ha visto opposto all'ex campione Carlos Hernández, che aveva perso il suo titolo proprio contro Morales. In una vera e propria "guerra" durata 12 round, Chavez è riuscito a strappare una vittoria meritata per decisione unanime. Successivamente è avanzato ai pesi leggeri per sfidare il campione IBF Leavander Johnson. L'incontro, sfortunato, ha visto dominare Chavez per tutto il match, che ha continuato a picchiare duro l'avversario fino all'intervento dell'arbitro, ma allo stesso tempo è costato la vita al povero Johnson, morto pochi giorni dopo a causa dei danni del trauma cerebrale in seguito all'incontro. La famiglia di Johnson ha tuttavia incoraggiato il messicano a continuare a lottare sul ring, nonostante lo shock di quest'ultimo per la tragica morte del rivale.

Nel 2007 Chavez ha perso la sua corona IBF contro Julio Diaz

Chavez è cresciuto a Chicago ed è diventato un cittadino statunitense a tutti gli effetti da bambino, ma all'età di 16 anni è stato condannato a 4 anni di galera per presunta rapina a mano armata. Chavez ha anche dovuto subire un ulteriore punizione: è stato anche espulso dal paese e ha fatto ritorno in Messico. I suoi sforzi per roittenere la residenza stanutinense e i suoi primi passi verso il pugilato sono stati documentati nel film "Split Decision".[1] La storia della sua vita è stata anche scritta in un libro "Standing Eight: The Inspiring Story of Jesus El Matador Chavez".[2] Nel 2004 Chavez ha sposato la soldatessa Anuisa Stroklund, prima della sua spedizione nella guerra in Iraq. La coppia risiede ora ad Austin, Texas.[3]

Il 6 settembre 2008 Jesus "El Matador" Chavez (44-4 con 30 vittorie per KO) ha sfidato con successo il colombiano Andres Ledesma, mettendolo KO alla 9ª ripresa al Toyota Center di Houston, Texas. Ledesma era crollato al tappeto anche al 7º round.[4]

Il 4 aprile 2009 Chavez è stato sconfitto da Michael Katsidis per KO tecnico all'8ª ripresa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Split Decision, su frif.com. URL consultato il 4 agosto 2009 (archiviato dall'url originale il 10 maggio 2008).
  2. ^ [http://www.sandiegoreader.com/news/2006/jul/27/standing-eight-inspiring-story-jesus-el-matador-ch/ San Diego Reader | Standing Eight: The Inspiring Story of Jesus �El Matador� Chavez, Who Became Lightweight Champion of the World]
  3. ^ Jesus Chavez To Wed Soldier On Eve Of Iraqi Deployment
  4. ^ abs-cbnnews.com, Diaz takes IBO lightweight belt via split decision[collegamento interrotto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN70810062 · LCCN (ENn2006000772 · WorldCat Identities (ENn2006-000772