Jerzy Prokopiuk

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Jerzy Prokopiuk (Varsavia, 5 giugno 1931) è un filosofo, saggista e traduttore polacco di orientamento gnostico, aderente all'antroposofia di Steiner.

Egli colloca il suo pensiero come una risposta all'influenza della Chiesa Cattolica romana sulla cultura polacca. Ha tradotto in lingua polacca le opere di Mircea Eliade e Sedir, alcune opere di Goethe, Schiller, Rudolf Steiner e Carl Gustav Jung dal tedesco, nonché quelle di Aldous Huxley dall'inglese.

Ha scritto articoli e saggi relativi all'antroposofia e alla lettteratura mondiale, con particolare riferimento ai testi esoterici e gnostici, in particolare manichei.

Nella cultura polacca apprezza soprattutto il romanticismo (autori come Adam Mickiewicz e Juliusz Słowacki). Critico del cattolicesimo polacco, è noto fra gli intellettuali polacchi e gli antroposofisti tedeschi per la promozione della dottrina steineriana in Polonia.

È stato presidente del club Gnosis dal '91 al '92 e nuovamente dal '99 al 2000. A partire dal 2001 ne è divenuto il presidente onorario. Risiede a Varsavia.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Labirynty herezji Warszawa, 1999
  • Ścieżki wtajemniczenia. Gnosis aeterna, Warszawa doM wYdawniczy, tCHu 2000
  • Szkice antropozoficzne, 2003
  • Światłość i radość, 2003
  • Rozdroża, czyli zwierzenia gnostyka, 2004
  • Jestem heretykiem, 2004
  • Dzieje magii, 2006
Controllo di autoritàVIAF (EN101737872 · ISNI (EN0000 0000 7857 0901 · GND (DE113087128 · BNF (FRcb14524475z (data) · BAV ADV10259074 · WorldCat Identities (EN101737872
Religioni Portale Religioni: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di religioni