Jean-Noël Jeanneney

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jean-Noël Jeanneney, 2014.

Jean-Noël Jeanneney (Grenoble, 2 aprile 1942) è uno storico e politico francese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Studi[modifica | modifica sorgente]

Figlio di Jean-Marcel Jeanneney e nipote di Jules Jeanneney, due importanti figure politiche francesi, dopo gli studi secondari nella città natale, si recò a Parigi per studiare alla École Normale Supérieure e all'Istituto di Studi Politici di Parigi.

Storico dei media[modifica | modifica sorgente]

Jean-Noël Jeanneney si è specializzato in storia dei media, campo di cui è fra i pionieri, interessandosi all'evoluzione della stampa scritta, della radio e della televisione. Ha insegnato fino al 1977 all'università di Parigi X per poi passare all'Institut d'études politiques de Paris.

Carriera radiotelevisiva[modifica | modifica sorgente]

In seguito Jeanneney è passato dallo studio alla partecipazione nei media radiotelevisivi, dirigendo Radio-France dal 1982 al 1986 e in seguito collaborando con alcuni canali televisivi culturali.

Carriera politica[modifica | modifica sorgente]

In politica Jean-Noël Jeanneney è vicino al Partito socialista.

Presidente della Bibliothèque nationale de France[modifica | modifica sorgente]

Dal 2002 al marzo 207Jean-Noël Jeanneney è stato presidente della Bibliothèque nationale de France. In questa funzione, si è adoperato soprattutto contro i progetti di digitalizzazione di libri annunciati da Google, cercando di avviare un'alternativa europea al progetto statunitense facendo leva sui poteri pubblici.[1]

Pubblicazioni[modifica | modifica sorgente]

Jean-Noël Jeanneney ha pubblicato opere sulla storia dei media e su altri oggetti. Ha inoltre scritto numerose prefazioni a opere altrui.

  • Jean-Noël Jeanneney, François de Wendel en république: l'argent et le pouvoir (1914-1940) [thèse], Seuil, Parigi, 1976. ISBN 2-02-004410-2.
  • Jean-Noël Jeanneney, L'Argent caché: milieux d'affaires et pouvoirs politiques dans la France du XXe siècle, Fayard, Parigi, 1981. ISBN 2-213-00947-3.
  • Jean-Noël Jeanneney, Échec à Panurge: l'audiovisuel public au service de la différence, Seuil, Parigi, 1986. ISBN 2-02-009238-7.
  • Jean-Noël Jeanneney, Une histoire des médias, des origines à nos jours , Points, Parigi, 1990 (riedito 4 volte). ISBN 2-02-052887-8
  • Jean-Noël Jeanneney, L'Avenir vient de loin, Seuil, Parigi, 1994. ISBN 2-02-022648-0.
  • Jean-Noël Jeanneney, con la collaborazione di Agnès Chauveau, L'Écho du siècle: dictionnaire de la radio et de la télévision, Hachette, Arte, La Cinquième, Parigi, 1999. ISBN 2-01-235276-6.
  • Jean-Noël Jeanneney, Le duel: une passion française (1789-1914), Seuil, Parigi, 2004. ISBN 2-02-065383-4.
  • Jean-Noël Jeanneney, Clemenceau: portrait d'un homme libre, Mengès, Parigi, 2005. ISBN 2-85620-455-4.
  • Jean-Noël Jeanneney, Quand Google défie l'Europe: plaidoyer pour un sursaut, Mille et une Nuits, Parigi, 2005. ISBN 2-84205-912-3.
  • Jean-Noël Jeanneney, Google and the Myth of Universal Knowledge : a view from Europe , translated by Teresa Lavender Fagan, The University of Chicago Press, Chicago and London, 2007. ISBN 0-226-39577-4.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://www.corriere.it/Primo_Piano/Scienze_e_Tecnologie/2005/02_Febbraio/19/google.shtml

Controllo di autorità VIAF: 36920105 LCCN: n81028338

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie