Jean-Marc Reiser

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Jean-Marc Reiser (Réhon, 13 aprile 1941Parigi, 5 novembre 1983) è stato un fumettista francese conosciuto per i suoi fumetti dai contenuti controversi[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Comincia la sua attività nel 1959 nella pubblicazione La Gazette de Nectar. Nel 1960 insieme a Fred, Georges Bernier e François Cavanna partecipa alla fondazione della rivista Hara-Kiri che prosegue la sua attività fino al 1970 quando viene sospesa la pubblicazione da parte del ministero dell'interno presumibilmente per la presa in giro di Charles de Gaulle all'epoca recentemente deceduto anche se ufficialmente fu bandito per pornografia.[1] In seguito Reiser lavora per Charlie Hebdo ed altre pubblicazioni. Muore nel 1983 per un tumore delle ossa.

La tomba di Jean-Marc Reiser.

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Ann Miller, Reading Bande Dessinee: Critical Approaches to French-language Comic Strip, Intellect Books, 15 febbraio 2008, pp.22-28.
  2. ^ (FR) La Forge de Vulcain, yoko.tsuno.free.fr. URL consultato il 27 settembre 2012.
  3. ^ Le palmarès 1978, toutenbd.com. URL consultato il 27 settembre 2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN2476058 · LCCN: (ENn85816313 · SBN: IT\ICCU\CFIV\093249 · ISNI: (EN0000 0001 2019 8059 · GND: (DE119516209 · BNF: (FRcb119214416 (data)