Jason Gould

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jason "Jay" Gould

Jason "Jay" Gould (Roxbury, 27 maggio 1836New York, 2 dicembre 1892) è stato un imprenditore statunitense, uno dei principali costruttori di ferrovie degli Stati Uniti.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Jason Gould era figlio di John Burr Gould (1792-1866) e Maria Moore Gould (1798-1841). Il nonno materno, Alexander T. More, era un uomo d'affari e suo nonno materno, John More, era un immigrato scozzese che fondò la città di Moresville.

Sin da giovane decise di non seguire le orme paterne. Studiò presso l'Accademia di Hobart[1], dedicarsi alla studio privato, studiando particolarmente la topografia e la matematica.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò a lavorare come contabile per un fabbro. Un anno dopo il fabbro gli offrì metà interessi del negozio, che egli vendette a suo padre nella prima parte del 1854. Nello stesso anno, Gould ha esaminato e creato mappe dell'area della contea di Ulster, New York. Nel 1856 pubblicò History of Delaware County e Border Wars of New York[2].

Nel 1856, Gould entrò in affari con Zadock Pratt[3] per creare quello che sarebbe diventato Gouldsboro. Nello stesso anno, Gould entrò in affari con Charles Mortimer Leupp, suocero di Gideon Lee, uno dei principali commercianti di cuoio negli Stati Uniti del tempo. Leupp e Gould rimasero in affari fino al Panico del 1857. Leupp perse tutti i suoi soldi, mentre Gould colse l'opportunità del deprezzamento del valore delle proprietà e ha acquistato per conto suo le vecchie proprietà di Leupp[3].

Dopo la morte di Leupp, la conceria di Gouldsboro divenne una proprietà controversa. Il cognato di Leuppo, David W. Lee, che era anche un partner di Leupp e Gould, ha preso il controllo dell'azienda. Credeva che Gould aveva truffato le famiglie Leupp e Lee. Alla fine, Gould fu poi costretto a vendere le sue azioni a Lee[4].

Investimenti ferroviari[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1859 Gould iniziò a investire speculativi acquistando magazzino di piccole compagnie ferroviarie. Il suocero di Gould, Daniel S. Miller, lo introdusse nell'industria ferroviaria, quando ha suggerito che Gould lo aiutasse a salvare il suo investimento nella Rutland and Washington Railroad nel Panico del 1857. Gould acquistò l'azione per dieci centesimi sul dollaro, che lo ha lasciato sotto il controllo della società[5]. Nel 1863 è stato nominato responsabile della Rensselaer and Saratoga Railroad.

La Erie Railroad incontrò diversi problemi finanziari nel 1850, nonostante ricevesse prestiti dai finanzieri Cornelius Vanderbilt e Daniel Drew. L'Erie entrò nel fallimento nel 1859 e fu riorganizzata come la Erie Railway. Jay Gould, Drew e James Fisk impegnarono manipolazioni di stock conosciute come la Guerra di Erie, con il risultato che Drew, Fisk e Vanderbilt, nell'estate del 1868, persero il controllo dell'Erie, mentre Gould è diventato il suo presidente[6].

Fu nello stesso periodo che Gould e Fisk entrarono in contatto con Tammany Hall, l'anello politico di New York City. Nominarono Boss Tweed direttore della Erie Railway, e Tweed, in cambio, ha organizzato una legislazione favorevole per loro. Tweed e Gould sono diventati soggetti dei giochi politici di Thomas Nast nel 1869. Nell'ottobre 1871, Tweed si è tenuto una cauzione da 1 milione di dollari mentre Gould divenne il capo obbligazionario[7].

Venerdì Nero[modifica | modifica wikitesto]

Nell'agosto 1869, Gould e Fisk iniziarono ad acquistare l'oro per tentare di abbassare il mercato, sperando che l'aumento del prezzo dell'oro avrebbe aumentato il prezzo del grano in modo tale che gli agricoltori occidentali vendessero, causando una grande quantità di spedizioni di pane verso est, aumentando le attività di trasporto merci. Durante questo periodo, Gould ha utilizzato i contatti con il cognato del presidente Ulysses S. Grant, Abel Corbin, per cercare di influenzare il presidente e il suo segretario generale Horace Porter.

Queste speculazioni in oro culminarono nel panico del venerdì nero, il 24 settembre 1869. Gould guadagnò un piccolo profitto da questa operazione, ma ha perso per le successive azioni legali. Dal quel momento Gould venne raffigurato come una figura potente che poteva guidare il mercato a piacimento.

Lord Gordon-Gordon

Lord Gordon-Gordon[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1873 Gould tentò di prendere il controllo della Erie Railroad reclutando investimenti stranieri da Lord Gordon-Gordon, che credeva fosse un cugino dei Campbell in cerca di acquistare terreni per gli immigrati. Ha corrotto Gordon-Gordon con un milione di dollari in contanti. Ma Gordon-Gordon, che era un impostore, ha immediatamente pagato il titolo. Gould ha citato in giudizio Gordon-Gordon, nel marzo del 1873. In tribunale, Gordon-Gordon ha dato i nomi degli europei che ha sostenuto di rappresentare e ha ottenuto la cauzione mentre i riferimenti sono stati controllati. Fuggì in Canada, dove ha convinto le autorità che le accuse contro di lui erano false[8][9].

Dopo aver fallito di convincere o costringere le autorità canadesi a consegnare Gordon-Gordon, Gould e i suoi associati, che includevano due futuri governatori del Minnesota e tre futuri membri del Congresso (Loren Fletcher, John Gilfillan e Eugene McLanahan Wilson) tentarono di rapirlo. Il gruppo lo ha strappato con successo, ma sono stati arrestati prima che potessero tornare negli Stati Uniti. I rapitori sono stati messi in prigione e hanno rifiutato la cauzione[8][9]. Ciò ha portato ad un incidente internazionale tra gli Stati Uniti e il Canada. Dopo aver appreso che i sequestratori non avevano ricevuto la cauzione, il governatore Horace Austin chiese il loro rilascio. Dopo le trattative, le autorità canadesi hanno liberato i sequestratori con il pagamento di una cauzione[8][9]. L'incidente fece perdere a Gould ogni possibilità di prendere il controllo della Erie Railroad.

Ferrovie occidentali[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essere stato buttato fuori dalla Erie Railroad, Gould ha cominciato a costruire un sistema di ferrovia nel midwest e nell'ovest. Ha preso il controllo dell'Union Pacific nel 1873 e costruì una ferrovia vitale che dipendeva dalle spedizioni degli agricoltori locali e degli allevatori. Dopo la morte di Gould, l'Union Pacific si sciolse e ha dichiarato fallimento durante il panico del 1893.

Nel 1879, Gould acquisì il controllo di tre tra le più importanti ferrovie occidentali, tra cui la Missouri Pacific Railroad. Poiché le ferrovie stavano facendo profitti e avevano il controllo della regolazione del tasso, la sua ricchezza aumentò drammaticamente. Quando Gould si ritirò nel 1883, realizzò un grande profitto per se stesso.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1863 sposò Helen Day Miller (1838-1889), figlia di Daniel S. Miller. Ebbero sei figli:

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Gould è morto di tubercolosi il 2 dicembre 1892, ed è stato interrato nel cimitero Woodlawn, Bronx, New York. La sua fortuna è stata stimata a 72 milioni di dollari (circa 1,76 miliardi di dollari nel 2016).

Al momento della sua morte, Gould era un benefattore nella ricostruzione della Chiesa Riformata di Roxbury, New York, ora conosciuta come Jay Gould Memorial Reformed Church. Si trova all'interno del Distretto Storico di Main Street ed è elencata nel Registro Nazionale dei luoghi storici dal 1988. Il mausoleo della famiglia è stato progettato da Francis O'Hara.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Daniel Alef, Jay Gould: Ruthless Railroad Tycoon, Titans of Fortune Publishing, 2010, ISBN 9781608043064.
  2. ^ Jay Gould, History of Delaware County, Philadelphia, Pennsylvania?, Keeny & Gould, 1856.
  3. ^ a b GOULD'S EVENTFUL LIFE, http://query.nytimes.com/mem/archive-free/pdf?res=9907EFDE1638E233A25750C0A9649D94639ED7CF
  4. ^ "David Williamson Lee's Career", New York Times, January 21, 1886.
  5. ^ Maury Klein, The Life and Legend of Jay Gould, Johns Hopkins University Press, 1997, p. 508, ISBN 9780801857713.
  6. ^ Schafer, Mike (2000). More Classic American Railroads. MBI Publishing Company. p. 47. ISBN 076030758X. Retrieved September 22, 2016.
  7. ^ J. North Conway, The Big Policeman: The Rise and Fall of America's First, Most Ruthless, and Greatest Detective, Globe Pequot Press, 2010, p. 99, ISBN 9781599219653.
  8. ^ a b c William Donaldson, Brewer's Rogues, Villains and Eccentrics, London, Phoenix, 02 settembre 2004, pp. 299–300, ISBN 0-7538-1791-8.
  9. ^ a b c J.L. Johnson, Lord Gordon Gordon, The Manitoba Historical Society. URL consultato il 22 agosto 2008.
  10. ^ George J. Gould Dies in Villa in France. Leaves $30,000,000. With His Second Wife and Her Children Near, He Yearned for His Sons. Last Malady a Secret. Death Holds Up Litigation With Family Over His Father's Estate. First Became Ill in March. Had Apparently Regained Health When He Suffered a Relapse., New York Times, May 17, 1923. URL consultato il 23 maggio 2008.
  11. ^ Edwin Gould Dies Suddenly at 67. Son of Railroad Financier and Builder Was Noted for Benefactions to Children. Left School of Finance. Made $1,000,000 Profit Operating Alone in Wall Street Before Father Forgave Him., in New York Times, July 13, 1933. URL consultato il 06 agosto 2008.
  12. ^ Mrs. F.J. Shepard Dies of a Stroke. Former Helen Gould, Famous for Philanthropy, Stricken at Her Summer Home Gave Away Much of Fortune. Mrs. Finley J. Shepard Is Stricken at 70. Philanthropist and Daughter of Jay Gould Got Permission to Marry. Wed at Lyndhurst. Benefactions in War With Spain. Descendant of Pioneers., New York Times, December 21, 1938. URL consultato il 18 giugno 2007.
  13. ^ Howard Gould dies here at 88... [l]ast surviving son of Jay Gould, rail financier, yachtsman, auto racer., New York Times, September 15, 1959. URL consultato il 21 giugno 2007.
  14. ^ Duchesse de Talleyrand Is Dead. Youngest daughter of Jay Gould, in New York Times, November 30, 1961. URL consultato il 06 agosto 2008.
  15. ^ Frank Jay Gould Dead on Riviera. Youngest Son of Rail Empire Maker was 78. Built Up Resort of Juan-les-Pins Heir to $10,000,000 N.Y.U. Graduate of 1899., Associated Press in New York Times, April 1, 1956. URL consultato il 06 aprile 2008.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN25383059 · LCCN: (ENn50035745 · ISNI: (EN0000 0000 5533 923X · GND: (DE117550655 · BNF: (FRcb150798011 (data)
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie