Jaromír di Boemia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il vescovo di Praga dal 1038 al 1090, vedi Jaromír di Praga.
Jaromír di Boemia
Jaroměř-Jaromír.jpg
Duca di Boemia
In carica 1003
Predecessore Clodoveo/Vladivoj di Boemia
Successore Boleslao III di Boemia
Duca di Boemia
In carica 1004 –
1012
Predecessore Boleslao IV di Boemia
Successore Ulrico/Oldřich di Boemia
Duca di Boemia
In carica 1033 –
1034
Predecessore Ulrico/Oldřich di Boemia
Successore Ulrico/Oldřich di Boemia
Morte Stará Lysá, 4 novembre 1035
Luogo di sepoltura Chiesa di San Giorgio
Dinastia Přemyslidi
Padre Boleslao II di Boemia
Madre Adiva o Emma di Mělník

Jaromír (... – Stará Lysá, 4 novembre 1035) membro della dinastia dei Přemyslidi, fu duca di Boemia, nel 1003, dal 1004 al 1012, e di nuovo dal 1034 al 1035.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era il secondo figlio del duca Boleslao II il Pio († 999). Sua madre potrebbe essere stata una delle due mogli di suo padre: Adiva o Emma di Mělník.

Nel 1002 Jaromír si ribellò contro il dominio del fratello maggiore Boleslao III, il quale lo fece castrare[1] e venne espulso e, con sua madre e suo fratello Ulrico/Oldřich, si recò alla corte bavarese di Ratisbona. Ciononostante, Boleslao non fu in grado di assicurarsi il trono di Praga, poiché fu deposto dalla nobiltà boema e il ducato fu retto dal cugino Clodoveo/Vladivoj, sostenuto dal duca polacco e fratellastro Boleslao I il Coraggioso. Vladivoj ottenne anche il sostegno del re tedesco Enrico II, quando ricevette il ducato di Boemia in feudo.

Quando Vladivoj morì l'anno successivo, Jaromír e Ulrico/Oldřich tornarono in Boemia e Jaromír fu proclamato duca dai nobili boemi. A loro volta le terre furono occupate dalle forze polacche di Boleslao che restaurarono Boleslao III come duca. Dopo aver ordinato un massacro del clan rivale dei Vršovci, tuttavia, perse il sostegno del sovrano polacco e fu infine privato del potere. Nel frattempo Jaromír aveva cercato il sostegno militare dal re Enrico II. A Merseburg, promise di tenere la Boemia come un vassallo del re. Questa azione pose definitivamente la Boemia sotto la giurisdizione del Sacro Romano Impero.

Nel 1004 Jaromír occupò Praga con un esercito tedesco e si proclamò duca di Boemia. Tuttavia lo stato che riacquistò era piccolo, poiché le forze polacche detenevano ancora la Moravia, la Slesia e la Lusazia. Il regno di Jaromír (come tanti altri primi sovrani cechi) fu una lotta per riconquistare terre perdute. Rimase un fedele sostenitore di re Enrico nella guerra tedesco-polacca. Tuttavia il re tedesco non intervenne quando nel 1012 Jaromír fu detronizzato da Ulrico/Oldřich (che lo fece accecare)[1][2] e lo costrinse nuovamente all'esilio. In una campagna a sorpresa, Jaromír riuscì di nuovo a deporre Ulrico/Oldřich con il sostegno dell'imperatore Corrado II nel 1033, ma il suo secondo regno ebbe vita breve. Un anno dopo, Ulrico/Oldřich fu restaurato da suo figlio Bretislao I.

Jaromír fu imprigionato a Lysá nad Labem e morì il 4 novembre 1035 o 1038 (secondo Cosma di Praga), un anno dopo la morte di suo fratello. Fu assassinato da uno dei clan Vršovci.[3] Venne sepolto nella chiesa di San Giorgio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Czech radio
  2. ^ Cosmas, Chronicle, p. 92.
  3. ^ Cosmas of Prague (2009). The Chronicle of the Czechs. Translated by Lisa Wolverton. CUA Press. pp. 105–108. ISBN 9780813215709.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN1012474 · WorldCat Identities (ENviaf-1012474
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biografie