James Stanley, X conte di Derby

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Coronet of a British Earl.svg
James Stanley, X conte di Derby
10thEarlOfDerby.jpg
James Stanley, X conte di Derby, in una ritratto d'epoca
Conte di Derby
Stemma
In carica 1702 –
1736
Predecessore William Stanley, IX conte di Derby
Successore Edward Stanley, XI conte di Derby
Nascita 3 luglio 1664
Morte 1º febbraio 1736
Dinastia Stanley
Padre Charles Stanley, VIII conte di Derby
Madre Dorothea Helena Kirkhoven
Consorte Mary Morley

James Stanley, decimo conte di Derby (3 luglio 16641º febbraio 1736), è stato un nobile e politico inglese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

James Stanley era il figlio secondogenito di Charles Stanley, VIII conte di Derby e di sua moglie, Dorothea Helena Kirkhoven.

Iniziò la sua carriera politica alla Camera dei Comuni come parlamentare per la costituente di Clitheroe nel 1685, manetenendo tale sede sino al 1689, e quindi passando a quella di Preston dal 1689 al 1690 e poi quella del Lancashire dal 1695 al 1702. In quest'ultimo anno succedette a suo fratello maggiore, morto senza eredi sopravvissutigli, al titoo di conte di Derby ed entrò così a far parte della Camera dei Lords. Nel 1706 il conte di Derby venne ammesso nel Privy Council e venne nominato Cancelliere del Ducato di Lancaster, posizione che mantenne sino al 1710, divenendo in seguito Capitano dello Yeomen della Guardia dal 1715 al 1723. Prestò inoltre servizio come Lord Luogotenente del Lancashire tra il 1702 ed il 1710 e nuovamente nel 1714 e nel 1736. Nel 1732 succedette ad una sua pronipote nel titolo di Barone Strange già appartenuto alla sua famiglia.

Lord Derby sposò Mary Morley, dalla quale però non ebbe figli e quando questi morì nel febbraio del 1736, la baronìa Strange passò al suo primo cugino James Murray, II duca di Atholl, mentre la contea paterna passò ad un suo lontano parente, Edward Stanley, XI conte di Derby.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Kidd, Charles, Williamson, David (editors). Debrett's Peerage and Baronetage (1990 ed.). New York: St Martin's Press, 1990
Predecessore Deputato del Parlamento d'Inghilterra per Clitheroe Successore Flag of England.svg
Sir Thomas Stringer
Henry Marsden
16851689
con Edmund Assheton
Christopher Wilkinson
Anthony Parker
Predecessore Deputato del Parlamento d'Inghilterra per Preston Successore Flag of England.svg
Edward Fleetwood
Andrew Newport
16891690
con Thomas Patten
Robert Bertie, lord Willoughby de Eresby
Christopher Greenfield
Predecessore Deputato del Parlamento d'Inghilterra per il Lancashire Successore Flag of England.svg
Charles Gerard, visconte Brandon
Charles Hoghton
16901702
con Charles Gerard, visconte Brandon (1690-1694)
con Ralph Assheton, II baronetto di Middleton (1694-1698)
con Fitton Gerard (1698–1701)
con Richard Bold (1701–1702)
Richard Bold
Richard Assheton
Predecessore Cancelliere del Ducato di Lancaster Successore Coat of arms of Lancaster City Council.png
John Leveson-Gower, lord Gower 1706 - 1710 William Berkeley, lord Berkeley di Stratton
Predecessore Capitano degli Yeomen della Guardia Successore Royal Coat of Arms of the United Kingdom (HM Government).svg
Henry Paget, lord Paget 1715 - 1723 Philip Stanhope, lord Stanhope
Predecessore Lord Luogotenente del Lancashire Successore FlagOfLancashire.svg
Richard Savage, IV conte Rivers 1702 - 1710 James Hamilton, IV duca di Hamilton I
James Hamilton, IV duca di Hamilton 1714 - 1736 Edward Stanley, XI conte di Derby II
Predecessore Vice Ammiraglio del Lancashire Successore FlagOfLancashire.svg
Richard Savage, IV conte Rivers 1702 - 1712 James Hamilton, IV duca di Hamilton
Predecessore Signore di Man Successore Flag of the Isle of Mann.svg
William Stanley, IX conte di Derby 1702-1736 James Murray, II duca di Atholl
Predecessore Conte di Derby Successore Flag of England.svg
William Stanley, IX conte di Derby 1702-1736 Edward Stanley, XI conte di Derby
Predecessore Barone Strange Successore Flag of England.svg
Henrietta Ashburnham, V baronessa Strange 1732-1736 James Murray, VII barone Strange
Controllo di autorità VIAF: (EN56531976 · LCCN: (ENnr99021369