Józef Ignacy Kraszewski

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jòzef Ignacy Kraszewski

Jòzef Ignacy Kraszewski (Varsavia, 28 luglio 1812Ginevra, 19 marzo 1887) è stato uno scrittore polacco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di un avvocato molto legato agli ambienti aristocratici, ebbe modo di conseguire la laurea in filosofia all'Università di Cracovia e nel 1831 partecipò all'insurrezione polacca sostenendo il principe Czartorisky e i liberali. Terminata la rivolta, fu esiliato in Germania e nel 1848 prese parte alle rivoluzioni combattendo al fianco degli insorti in Baden. Esiliato dalla Germania, fuggì in Svizzera a Ginevra, dove morì nel 1887. Autore di poesie, commedie, studi storici, critici e politici e di più di duecento romanzi che rivelano l'influsso di Scott, Hoffmann, Stendhal e Balzac. Molti di essi sono dedicati alla vita dei contadini

È stato seppellito nella cripta della chiesa di San Michele Arcangelo e San Stanislao (Skałka) di Cracovia, dove oggi riposa con altri grandi intellettuali polacchi suoi contemporanei e non: il Premio Nobel per la Letteratura Czesław Miłosz, Ludwik Solski, Stanisław Wyspiański e Lucjan Siemieński.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN302589951 · ISNI (EN0000 0001 2275 9016 · LCCN (ENn50044016 · GND (DE118777955 · BNF (FRcb12132538s (data) · NLA (EN35710348 · BAV ADV11124207 · CERL cnp00399965