Italo Sandi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Italo Sandi

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XIV
Gruppo
parlamentare
DS-L'Ulivo (4 giugno 2001 - 24 giugno 2005)
Misto (24 giugno 2005 - 22 dicembre 2005)
UDC (dal 22 dicembre 2005 - 27 aprile 2006)
Coalizione L'Ulivo
Circoscrizione VIII - Veneto 2
Collegio 14 - Feltre
Incarichi parlamentari
  • Componente della XIII Commissione "Agricoltura" (20 giugno 2001 - 27 aprile 2006)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico DS, poi UDC
Titolo di studio Istituto tecnico per geometri
Professione Insegnante scuola media

Italo Sandi (Feltre, 21 maggio 1959) è un politico italiano.

Dal 1989 al 1991 è consigliere comunale a Feltre per il PCI. Ha seguito le sorti del partito confluendo infine nei DS, per i quali è stato eletto alla Camera con le elezioni del 2001.

Durante il mandato da parlamentare ha più volte manifestato il proprio dissenso su alcune scelte del gruppo, specialmente in merito alla legge 40 sulla procreazione assistita. Avvertendo l'esigenza di «difendere valori ora minacciati» è passato al gruppo misto e, quindi, all'UDC[1][2].

In occasione delle elezioni del 2006 l'UDC gli propone una nuova candidatura per il Parlamento, ma non accetta. Rimane comunque nella direzione regionale del partito[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Irene Aliprandi, Sandi lascia i Ds e va nel gruppo misto, in Corriere delle Alpi, 29 giugno 2005, p. 14. URL consultato il 19 settembre 2013.
  2. ^ Giovanardi punta su famiglia e valori, in Corriere delle Alpi, 27 marzo 2006, p. 6.
  3. ^ Roma addio, per i feltrini l'elezione è un sogno, in Corriere delle Alpi, 9 marzo 2006, p. 25. URL consultato il 19 settembre 2013.
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie