Isisaurus colberti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Isisaurus
Immagine di Isisaurus colberti mancante
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Superordine Dinosauria
Ordine Saurischia
Sottordine † Sauropodomorpha
Infraordine † Sauropoda
Clade † Titanosauria
Famiglia † Antarctosauridae
Genere Isisaurus
Wilson & Upchurch, 2003
Nomenclatura binomiale
† Isisaurus colberti
(Jain & Bandyopadhyay, 1997)
Sinonimi

Titanosaurus colberti
Jain & Bandyopadhyay, 1997

Isisaurus (il cui nome significa "lucertola dell'Indian Statistical Institute (ISI)[1]") è un genere estinto di dinosauro sauropode titanosauro vissuto nel Cretaceo superiore, circa 70 milioni di anni fa (Maastrichtiano), in quella che oggi è l'attuale India.

L'esemplare tipo di Isisaurus, ISI R 335/1-65 , venne originariamente descritto e nominato come Titanosaurus colberti da Sohan Lal Jain e Saswati Bandyopadhyay nel 1997. Il nome specifico onora Edwin Harris Colbert.[2][3] Il genere venne assegnato ad un proprio genere solo nel 2003, dai paleontologi Wilson e Upchurch.[4] L' Isisaurus aveva un collo corto e orientato verticale, lunghe zampe anteriori, rendendolo considerevolmente diverso da altri sauropodi. L'omero è lungo 148 centimetri.[2] Sulla base di questo esemplare, l' Isisaurus poteva raggiungere anche i 18 metri di lunghezza per un peso di circa 14.000 kg (15 tonnellate).[5]

L' Isisaurus è noto da resti meglio conservati rispetto a molti titanosauri, difatti la maggior parte del suo scheletro postcranico è conosciuta. Il materiale scheletrico Jain e Bandyopadhyay ritrovato tra il 1984 e il 1986 erano "in condizioni associate e per lo più articolati"; incluse le vertebre cervicali, dorsali, sacrali e caudali, le costole, il bacino, la scapola, il coracoide, l'arto anteriore sinistro e altre ossa, anche se mancavano le ossa del cranio, degli arti posteriori e dei piedi.[2] Le ossa sono state ritrovate nel sito di Dongargaon Hill, una cava di argilla risalente al Maastrichtiano, che forma la Formazione Lameta, dell'India.[3]

Un fungo rinvenuto in un coprolite forse appartenente ad Isisaurus, indicherebbe che quest'ultimo si cibava di foglie da diverse specie di alberi, in quanto questi funghi sono noti per essere patogeni, infettando le foglie degli alberi.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The 10 Ugliest Dinosaurs, about.com. URL consultato il 15 novembre 2013.
  2. ^ a b c Sohan L. Jain e Saswati Bandyopadhyay, New Titanosaurid (Dinosauria: Sauropoda) from the Late Cretaceous of Central India, in Journal of Vertebrate Paleontology, vol. 17, nº 1, Norman, Okla., University of Oklahoma, 1997, p. 114, DOI:10.1080/02724634.1997.10010958.
  3. ^ a b Isisaurus colberti, Paleobiology Database. URL consultato il 31 dicembre 2012.
  4. ^ Jeffrey A. Wilson e P. Upchurch, A revision of Titanosaurus Lydekker (Dinosauria – Sauropoda), the first dinosaur genus with a 'Gondwanan' distribution (PDF), in Journal of Systematic Palaeontology, vol. 1, nº 3, Cambridge, U.K., Cambridge University Press, 2003, pp. 125–160, DOI:10.1017/s1477201903001044. URL consultato il 31 dicembre 2012.
  5. ^ Montague J.R. (2006). "Estimates of body size and geological time of origin for 612 dinosaur genera (Saurischia, Ornithischia)", Florida Scientist. 69(4): 243-257.
  6. ^ Sharma, N., Kar, R.K., Agarwal, A. and Kar, R. (2005). "Fungi in dinosaurian (Isisaurus) coprolites from the Lameta Formation (Maastrichtian) and its reflection on food habit and environment." Micropaleontology, 51(1): 73-82.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]