Isidore Ramishvili

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Isidore Ramishvili

Isidore Ramishvili (in georgiano: ისიდორე რამიშვილი?, in russo: Исидор Иванович Рамишвили?, traslitterato: Isidor Ivanovič Ramišvili; Surebi, 6 luglio 1859Tbilisi, 3 gennaio 1937) è stato un politico georgiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Durante la rivoluzione russa del 1905 fu eletto nella prima Duma di Stato per il governatorato di Kutaisi e divenne uno dei principali deputati della fazione menscevica del Partito Operaio Socialdemocratico Russo. Nel 1908, secondo alcune fonti, presiedette il tribunale rivoluzionario che avrebbe sancito l'espulsione di Iosif Stalin dal POSDR. Nello stesso anno venne arrestato dalla polizia zarista ed esiliato ad Astrachan' fino alla Rivoluzione di febbraio del 1917. Fu per un breve periodo membro del comitato esecutivo del Soviet di Pietrogrado, ma dopo la Rivoluzione d'ottobre rientrò in Georgia, dove fu eletto all'Assemblea Costituente della Repubblica Democratica di Georgia nel 1919. Dall'estate 1918 al settembre 1920 fu inviato del Governo della Georgia. Si ritirò dalla politica dopo l'instaurazione del potere sovietico in Georgia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Mikaberidze, Alexander (a cura di), Ramishvili, Isidor, su The Dictionary of Georgian National Biography. URL consultato il 28 aprile 2007 (archiviato dall'url originale l'11 luglio 2011).
  • (EN) Jones, Stephen F. (2005), Socialism in Georgian Colors: The European Road to Social Democracy, 1883-1917. Harvard University Press, ISBN 0-674-01902-4.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN78144648325528314870 · GND (DE1077232063 · WorldCat Identities (ENviaf-78144648325528314870