Isabella Spinola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Isabella spinola
Lingua originaleitaliano
MusicaPietro Abbà Cornaglia
LibrettoCrispino Jachino
(libretto online)
Fonti letterarieDavide Bertolotti, Isabella Spinola
Attiquattro
Prima rappr.20 maggio 1877
TeatroTeatro Carcano, Milano
Personaggi
  • Isabella Spinola (soprano)
  • Ansaldo Doria (tenore)
  • Ugo Lercaro, guerriero genovese (baritono)
  • Lanfranco, confidente d'Ansaldo (basso)
  • Marco Spinola (basso)
  • Nelda, nutrice d'Isabella (mezzosoprano)
  • Fernando, gentiluomo genovese inviato di Ansaldo (tenore)
  • Giordano di Realvengo, podestà di Genova (basso)
  • Fra Nastasio, superiore del convento di San Teodoro (basso)
  • Araldo (tenore)
  • Un frate (basso)
  • Un servo di Ugo Lercaro (baritono)
  • Coro e comparse: popolo genovese, pescatori, giudici, frati, abitanti di Tolemaide, crociati, templari

Isabella spinola è un'opera in quattro atti di Pietro Abbà Cornaglia, su libretto di Crispino Jachino. La prima rappresentazione ebbe luogo al Teatro Carcano di Milano il 20 maggio 1877.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

L'azione si svolge nel 1270, a Genova; parte dell'atto secondo in Tolemaide.

Atto I[modifica | modifica wikitesto]

Isabella, innamorata di Ansaldo che crede morto, è costretta al matrimonio con Ugo. Ma proprio il giorno delle nozze Fernando riesce a farle sapere che Ansaldo è vivo ed ancora la ama.

Atto II[modifica | modifica wikitesto]

Isabella, che ha accettato l'unione con Ugo a causa delle preghiere del padre, non vuole consumare il matrimonio.

Intanto Ansaldo si trova in Tolemaide tra i Crociati, in veste di pastore. Viene rintracciato da Lanfranco, suo confidente, al quale racconta che è stato Ugo, anch'egli impegnato nella Crociata, a cercare di ucciderlo, per gelosia, fingendo di volerlo difendere da nemici arabi.

Atto III[modifica | modifica wikitesto]

Lanfranco e Ansaldo tornano a Genova, dove Isabella è creduta morta. Quando riescono a visitare il sepolcro, Ansaldo lo vuole aprire per rivedere l'amata, e così scoprono che è pieno di sabbia. Ansaldo capisce che Isabella viene tenuta segregata e riesce a liberarla, ma Isabella prima di riunirsi a lui pretende che il matrimonio contratto con Ugo venga sciolto.

Atto IV[modifica | modifica wikitesto]

Ansaldo, nuovamente vestito da guerriero, si rivela e accusa Ugo di tradimento di fronte al Podestà e ai giudici. Si decide che un combattimento tra i due rivali stabilirà chi ha ragione. Ugo ha la peggio, ma fa in tempo a ordinare ad un suo scudiero di uccidere Isabella, che viene trafitta al cuore mentre prega e muore tra le braccia di Ansaldo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ almanacco di amadeusonline (consultato il 10 marzo 2012)
Musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica