Irfis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
IRFIS - Finanziaria per lo Sviluppo della Sicilia S.p.A.
Stato Italia Italia
Forma societaria Società per azioni
Fondazione 1950 a Palermo
Sede principale Palermo, Via Giovanni Bonanno, 47 - 90143
Filiali Catania
Persone chiave
  • Alessandro Dagnino, presidente
  • Patrizia Monterosso, vice presidente
  • Calogero Guagliano, direttore generale
Settore Finanziaria
Utile netto 616.254 euro (2015)
Dipendenti 55 (2015)
Sito web

L'IRFIS - Finanziaria per lo Sviluppo della Sicilia S.p.A., in breve IRFIS - FinSicilia S.p.A., è una società finanziaria per il mediocredito con sede a Palermo, nata dalla trasformazione nel 2006 dell'IRFIS, Istituto Regionale per il Finanziamento alle Industrie in Sicilia. Azionista unico di IRFIS è la Regione Siciliana.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a metà degli anni '50 come Istituto Regionale per il Finanziamento alle Industrie in Sicilia, poi ribattezzata IRFIS Mediocredito della Sicilia, come istituto di credito a medio e lungo termine. L'attività dell'Irfis è rivolta a finanziare le piccole e medie imprese della Sicilia nei settori: manifatturiero, dell'energia, dell'ambiente, delle infrastrutture, del turismo, del commercio, del navale e delle infrastrutture portuali.

L'ente era partecipato dalla Cassa per il Mezzogiorno (40%) e dal Banco di Sicilia (18%)[1]. L'azionariato si compose poi del 76% per cento al Banco di Sicilia, per il 21% alla Regione siciliana e per il 3% ad altre banche.

Passata poi con il BdS a Capitalia group nel 2004[2], poi transitata al Gruppo Bancario UniCredit (76% dell'azionariato del Banco di Sicilia).

Nel gennaio 2012 è stata acquisita per la totalità delle quote dalla Regione Siciliana, (ne deteneva il 21%) che ne cambia la mission, da impresa bancaria a società finanziaria specializzata nel credito agevolato e nella erogazione di Fondi regionali. Diviene una Società a socio unico, soggetta ad attività di direzione e coordinamento della Regione Siciliana, con capitale sociale 17.999.996 euro[3].

Nel luglio 2012 viene nominato presidente dal governo Lombardo Francesco Maiolini, ex direttore generale di Banca Nuova che, subentrato il nuovo governo Crocetta, si dimette nel gennaio 2013.[4] Nel luglio 2013 viene nominato presidente Rosario Basile, che il 26 settembre 2013, posto agli arresti domiciliari per il reato di calunnia, viene sospeso[5] e si dimette dalla carica il 14 ottobre 2016.[6]

Il 27 ottobre 2016 è nominato presidente della società l'avvocato Alessandro Dagnino[7].

Finanziamenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Arrigo Cervetto, Lo scontro finanziario e politico sulla chimica su Lotta comunista, aprile 1979
  2. ^ Patrimonio Irfis a Capitalia 'Imprese siciliane penalizzate' - La Repubblica
  3. ^ Presentazione — Irfis
  4. ^ Meridionews
  5. ^ Livesicilia
  6. ^ Repubblica Palermo
  7. ^ Irfis, Crocetta sceglie il presidente È l'avvocato Alessandro Dagnino, su Quotidiano Sicilia - Cronaca Sicilia - Notizie, sport, attualità e politica siciliana: Live Sicilia. URL consultato il 30 ottobre 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]