Into the Dead

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Into the Dead
videogioco
PiattaformaiOS, Android, Windows Phone
Data di pubblicazioneMondo/non specificato 6 dicembre 2012
GenereSparatutto, azione, survival horror
OrigineNuova Zelanda
SviluppoPikPok
PubblicazionePikPok
Modalità di giocoGiocatore singolo
Periferiche di inputTouch screen
SupportoDownload

Into the Dead è un videogioco sparatutto sviluppato dalla PikPok del genere azione-horror e pubblicato nel 2012 per iOS, Android e Windows Phone.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il personaggio principale è precipitato a bordo di un elicottero in una zona di campagna infestata da zombie. Corre automaticamente avendo la possibilità di andare solamente a destra e a sinistra con un'angolazione di circa 30°. La partita finisce quando il giocatore si scontra contro uno zombie e muore.

Obiettivi[modifica | modifica wikitesto]

L'obiettivo principale del gioco varia a seconda della modalità scelta che sono 4:

  • Classica: effettuare il maggior numero di metri possibili;
  • Massacre: uccidere il maggior numero di zombie possibile con armi che si possono trovare nelle casse lungo il percorso;
  • Hardcore: effettuare il maggior numeri di metri possibile ma in modalità molto più difficile della classica;
  • Flashlight: effettuare il maggior numero di metri possibile ed è la modalità più difficile perché si corre di notte e si ha una torcia che non dura all'infinito. Non si possono uccidere zombie.

Altro[modifica | modifica wikitesto]

Prima di iniziare ogni partita si possono scegliere (usando la moneta del gioco) 5 potenziamenti che sono:

  1. "Partenza armata"- comincia con un'arma;
  2. "Partenza anticipata"- parti da 1500 metri;
  3. "Munizioni aggiuntive"- 50% di munizioni in più;
  4. "Casse aggiuntive"- più casse contenenti armi;
  5. "Compagno"- un cane che uccide gli zombie.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Andrea Scrimieri, Into the Dead, l’apocalisse degli zombie secondo PikPok, su iPhone Italia, 6 dicembre 2012. URL consultato il 1º agosto 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi