Intermediazione finanziaria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Per intermediazione finanziaria si intende l'intermediazione tra domanda e offerta di moneta e di strumenti finanziari.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Le banche si occupano principalmente della raccolta del risparmio e della concessione di prestiti.

Le SIM, le SGR, le SICAV, le imprese di investimento comunitarie con succursale in Italia, le imprese di investimento extracomunitarie, le società di gestione armonizzate, nonché gli intermediari finanziari iscritti in un apposito elenco previsto dall'articolo 107 del Testo unico bancario offrono prodotti finanziari, ovvero strumenti finanziari e ogni altra forma di investimento di natura finanziaria.

FIR[modifica | modifica wikitesto]

Il FIR, acronimo di Financial interrelation ratio, è un coefficiente introdotto da Raymond W. Goldsmith che misura l'incidenza dell'intermediazione finanziaria. Per fare un esempio, esso era pari nella Roma imperiale a poco più del 5%, mentre nell'Inghilterra elisabettiana a circa il 13%, indice dunque di un uso decisamente maggiore dello strumento del credito.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elio Lo Cascio, op. cit., p. 7.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Elio Lo Cascio, Credito e moneta nel mondo romano: atti degli Incontri capresi di storia dell'economia antica, Capri, 12-14 ottobre 2000, Edipuglia, 2003.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

La materia è disciplinata dal Testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria[collegamento interrotto].

Economia Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di economia