Interferone beta-1a

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Interferone beta-1a
modello molecolare dell'interferone beta-1a umano
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareC908H1408N246O252S7
Massa molecolare (u)20027.0 g/mol
Numero CAS145258-61-3
Codice ATCL03AB07
DrugBankDB00060
Dati farmacologici
Modalità di
somministrazione
sottocutanea o intramuscolare
Dati farmacocinetici
Emivita10 hrs
Indicazioni di sicurezza
Frasi H---
Consigli P--- [1]

L'interferone beta-1a è uno degli interferoni usato per il trattamento della sclerosi multipla (MS).[2] È prodotto dalle cellule di mammifero, mentre l'Interferone beta-1b è prodotto da E. coli geneticamente modificato. Gli interferoni hanno mostrato di dare una riduzione del circa 18-38% nelle ricadute della sclerosi multipla (SM), e di rallentare la progressione di disabilità nei pazienti affetti da SM[3]. Nessuno dei prodotti in commercio è risolutivo nei confronti della malattia, ma i pazienti che oggi cominciano presto ad usare gli interferoni potrebbero beneficiare dell'alterazione del naturale corso della malattia.[4]

Ci sono due competitori principali sul mercato per questi farmaci, più un altro biogenerico/biosimilare e la forma peghilata:

  • Avonex (Biogen Idec)
  • Rebif (Merck)
  • CinnoVex (CinnaGen)
  • Plegridy (Biogen Idec)

Efficacia clinica[modifica | modifica wikitesto]

Anche se il loro esatto meccanismo d’azione non è ancora noto, si ritiene che gli interferoni-ß aiutino a ridurre l’infiammazione nelle forme recidivanti di sclerosi multipla. Non è stata ancora stabilita l’efficacia dell’interferone beta-1a nella sclerosi multipla primariamente progressiva.[5]

I farmaci basati sull'Interferone beta potrebbero dare effetti benefici sulla progressione della sclerosi multipla tramite le loro proprietà anti-infiammatorie. Studi hanno anche evidenziato come l'Interferone beta migliori l'integrità della barriera emato-encefalica (BBB, Blood-Brain Barrier), che di solito ne risente diventando meno protettiva nei pazienti affetti da MS, permettendo l'incremento dell'ammontare delle sostanze e delle cellule infiammatorie indesiderate che raggiungono il cervello. Questo rafforzamento della BBB potrebbe essere un fattore che contribuisce agli effetti benefici dell'Interferone-Beta. Questi studi sono stati effettuati in vitro (fuori da un organismo; un esperimento in "coltura cellulare"), quindi questo non vuol dire necessariamente che funzioni nella stessa maniera nelle persone.[6]

Effetti collaterali[modifica | modifica wikitesto]

I principali effetti collaterali sono sintomi simil-influenzali, reazioni che avvengono sul sito di iniezione, aumento degli enzimi epatici e anomalie delle cellule ematiche.[7]

I sintomi simili all'influenza si manifestano nella loro totalità dopo circa un paio d'ore dall'iniezione, e durano in molti casi anche l'intera giornata successiva. In molti pazienti questi sintomi diminuiscono col passare del tempo, ma altri continuano ad averli per lunghi periodi. Può essere d'aiuto prendere il medicinale prima di andare a letto e l'uso di un antidolorifico o un antinfiammatorio per contrastare gli effetti collaterali.

Le reazioni dovute al sito di iniezione possono essere invece mitigate alternando il sito di iniezione.

Questi effetti collaterali sono spesso ritenuti abbastanza rilevanti da indurre molti pazienti all'essere discontinui nell'assunzione degli interferoni.[8]

Altri problemi sono rappresentati da risultati scarsi negli esami sul fegato e anormalità dei globuli rossi. Effetti collaterali seri includono depressione, convulsioni o problemi al fegato.

Anche se questi farmaci migliorano i risultati di certi test diagnostici, questi non curano la MS e molti pazienti non percepiscono alcun miglioramento e, anzi, solo effetti avversi che sostanzialmente riducono la qualità della vita. Col passare del tempo, fenomeni di tolleranza fisiologica e una ridotta efficienza possono manifestarsi per lo sviluppo di anticorpi contro il farmaco e gli effetti avversi del farmaco possono persistere anche dopo la sospensione dell'assunzione.

Avonex[modifica | modifica wikitesto]

Avonex fu approvato negli Stati Uniti nel 1996, e in Europa nel 1997, ed è registrato in oltre 80 paesi nel mondo. È la terapia più usata negli Stati Uniti, costituendo circa il 40% complessivo in tutto il mercato, e in Europa, occupando il 30% circa di tutto il mercato. È prodotto dalla compagnia Biogen Idec biotechnology, che originariamente si occupava del farmaco secondo la Orphan Drug Act, legge americana che incoraggia le industrie farmaceutiche a sviluppare farmaci per malattie che hanno poco mercato. Avonex è venduto in due formulazioni, una polvere liofilizzata che richiede una preparazione prima dell'iniezione e un kit formato da una siringa che contiene già il farmaco premiscelato; viene somministrato una volta alla settimana per iniezione intramuscolare.

Rebif[modifica | modifica wikitesto]

Rebif è un farmaco in grado di modificare il corso della malattia (del tipo DMD, “disease modifying drugs”) e indicato nella sclerosi multipla recidivante remittente (SMRR).

Rebif è simile alla proteina dell'interferone beta prodotto dal corpo umano.

È stato approvato in Europa nel 1998 e negli Stati Uniti nel 2002 e registrato in più di 90 Paesi in tutto il mondo.

In Europa è commercializzato da Merck, mentre negli Stati Uniti da EMD Serono e Pfizer grazie a un'eccezione delle Orphan Drug Act.

Somministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Rebif è somministrato per iniezione subcutanea tre volte la settimana e può essere conservato a temperature ambiente fino a 14 giorni.

Indicazione[modifica | modifica wikitesto]

È stato dimostrato che il medicinale ritarda la progressione della disabilità, riduce la frequenza delle recidive e riduce l’attività e l’estensione delle lesioni.[9]

Studi hanno evidenziato l’efficacia a lungo termine di questo interferone beta-1 a. [9]

Nel gennaio 2012, la Commissione Europea ha approvato l’estensione dell’indicazione dell’interferone beta-1a di Merck per i pazienti che hanno manifestato un singolo evento demielinizzante suggestivo di sclerosi multipla. Tale estensione dell’indicazione non è stata richiesta negli Stati Uniti

CinnoVex[modifica | modifica wikitesto]

CinnoVex è il nome tradizionale dell'Interferone beta 1-a, prodotto come biosimilare/biogenerico in Iran. Viene prodotto in forma liofilizzata e venduto con acqua demineralizzata per iniezioni. Cinnovex fu sviluppato al Fraunhofer-Institut in collaborazione con CinnaGen, ed è la prima proteina terapeutica prodotta dal Fraunhofer laboratory Per essere approvato come medicinale biogenerico/biosimilare. Una variante idrosolubile è tuttora ricercata dal Vakzine Projekt Management (VPM) GmbH a Braunschweig, in Germania.

Interferone e Natalizumab[modifica | modifica wikitesto]

Secondo gli attuali studi e sperimentazioni su piano internazionale, è assolutamente sconsigliata l'assunzione contemporanea, precedente o successiva di interferoni o immunosoppressori e Natalizumab poiché provoca leucoencefalopatia multifocale progressiva.

Farmaci affini[modifica | modifica wikitesto]

Strettamente connesso è l'Interferone beta-1b, che potrebbe essere indicato nella terapia della MS stessa, e che ha anche un profilo farmaceutico simile. L'interferone beta-1b è commercializzato solo dalla Berlex negli Stati Uniti come Betaseron e fuori dagli USA come Betaferon dalla Schering AG. Extavia è una nuova marca di interferon beta-1b commercializzata da Novartis dagli inizi del 2009.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 14.11.2012
  2. ^ Murdoch D, Lyseng-Williamson KA, Spotlight on subcutaneous recombinant interferon-beta-1a (Rebif) in relapsing-remitting multiple sclerosis, in BioDrugs, vol. 19, nº 5, 2005, pp. 323–5, DOI:10.2165/00063030-200519050-00005, PMID 16207073.
  3. ^ Julie Stachowiak PhD., Is Avonex Right for You?, su ms.about.com, 2008. URL consultato il 7 maggio 2008.
  4. ^ Giancarlo Comi, Nicola De Stefano e Mark S. Freedman, Subcutaneous interferon β-1a in the treatment of clinically isolated syndromes: 3-year and 5-year results of the phase III dosing frequency-blind multicentre REFLEXION study, in Journal of Neurology, Neurosurgery, and Psychiatry, vol. 88, nº 4, April 2017, pp. 285–294, DOI:10.1136/jnnp-2016-314843. URL consultato il 07 febbraio 2018.
  5. ^ Juan Ignacio Rojas, Marina Romano e Agustín Ciapponi, Interferon Beta for primary progressive multiple sclerosis, in The Cochrane Database of Systematic Reviews, nº 1, 20 gennaio 2010, pp. CD006643, DOI:10.1002/14651858.CD006643.pub3. URL consultato il 07 febbraio 2018.
  6. ^ J. Kraus, K. Voigt e A. M. Schuller, Interferon-beta stabilizes barrier characteristics of the blood-brain barrier in four different species in vitro, in Multiple Sclerosis (Houndmills, Basingstoke, England), vol. 14, nº 6, July 2008, pp. 843–852, DOI:10.1177/1352458508088940. URL consultato il 07 febbraio 2018.
  7. ^ Peter Rieckmann, Paul O'Connor e Gordon S. Francis, Haematological effects of interferon-beta-1a (Rebif) therapy in multiple sclerosis, in Drug Safety, vol. 27, nº 10, 2004, pp. 745–756. URL consultato il 07 febbraio 2018.
  8. ^ Meritxell Sabidó-Espin e Rick Munschauer, Reasons for discontinuation of subcutaneous interferon β-1a three times a week among patients with multiple sclerosis: a real-world cohort study, in BMC Neurology, vol. 17, 23 marzo 2017, DOI:10.1186/s12883-017-0831-4. URL consultato il 07 febbraio 2018.
  9. ^ a b Ludwig Kappos, Jens Kuhle e Juha Multanen, Factors influencing long-term outcomes in relapsing-remitting multiple sclerosis: PRISMS-15, in Journal of Neurology, Neurosurgery, and Psychiatry, vol. 86, nº 11, November 2015, pp. 1202–1207, DOI:10.1136/jnnp-2014-310024. URL consultato il 07 febbraio 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina