Imelda Lambertini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Beata Imelda Lambertini
Nascita 1320
Morte 12 maggio 1333
Venerata da Chiesa cattolica
Beatificazione 1824
Ricorrenza 12 maggio

Imelda Lambertini, al secolo Maria Maddalena (Bologna, 1320Bologna, 12 maggio 1333), è stata una religiosa italiana. Entrata giovanissima nel monastero domenicano di Santa Maria Maddalena in Val di Pietra, morì a soli 13 anni dopo aver ricevuto l'Eucaristia in modo ritenuto miracoloso[1]. Nel 1824 fu proclamata beata da papa Leone XII. Le sue spoglie sono venerate nella chiesa di San Sigismondo a Bologna.

Memoria liturgica il 12 maggio.

La morte[modifica | modifica wikitesto]

A 13 anni, alla messa dell'Ascensione, le suore si misero in fila per la comunione, tranne Imelda, ancora troppo giovane e ritenuta impreparata. A quell'epoca si pensava che per ricevere l'Eucaristia fosse necessaria una maggiore responsabilità. Imelda, ubbidiente alle regole, quel giorno si mise in un angolo della cappella a pregare; proprio davanti a lei, a un tratto, sarebbe apparsa a mezz'aria una luminosissima particola. Il sacerdote capì che non si sarebbe potuto rifiutare: così prese l'ostia e comunicò la ragazzina. La Lambertini entrò immediatamente in estasi e così rimase. Morì con un'espressione di gioia sul viso che rimase impressa negli astanti.[2]

Patrona delle prime comunioni[modifica | modifica wikitesto]

Papa Pio X nel 1910, in occasione dell'abbassamento dell'età dell'ammissione alle prime comunioni proclamò la beata Imelda Lambertini patrona delle prime comunioni. Da allora la rinomanza della beata si è largamente estesa nella Chiesa universale[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dizionario dei Santi, TEA, 1989
  2. ^ Rino Cammilleri, Santi dimenticati, Piemme, 1996
  3. ^ Vedi sul punto i testi nelle varie lingue citati in bibliografia

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Orazione panegirica della beata Imelda Lambertini domenicana dedicata a nostro signore Benedetto XIV pontefice ottimo massimo dal padre d. Bernardo Maria Salvini, lettore ulivetano, e predicatore per la corrente quaresima 1742 nell'insigne Metropolitana di Bologna, in cui fu dal medesimo recitata, Genova 1742.
  • Della B. Imelda Lambertini vergine bolognese ragionamento fatto in Bologna dal signor abbate Lodovico Preti nella chiesa del monastero di S. Maria Maddalena il giorno 12 di maggio dell'anno 1787 sabbato precedente le rogazioni, Bologna: per le stampe di Lelio dalla Volpe, 1787.
  • Memoria della vita della b. Imelda Lambertini vergine dell'ordine dei predicatori, Roma: da' torchj del Salviucci, 1827.
  • (FR) Jean-Joseph Lataste, Vie de la B. Imelda Lambertini: vierge de l'ordre de St-Dominique, Paris 1866.
  • Tommaso Maria Granello, Memoria della b. Imelda Lambertini, fanciulla undicenne morta d'amore dopo ricevuta prodigiosamente l'eucarestia, Valle di Pompei 1891.
  • Domenico Corsini, Vita popolare della beata Imelda Lambertini, Bologna 1894.
  • La bienheureuse Imelda vierge de l'Ordre de s. Dominique, par une religieuse du même Ordre, Roma 1911 (trad. ital. Venezia 1916).
  • Renée Zeller, Imelda Lambertini: vierge dominicaine, Paris 1921.
  • La Bienheureuse Imelda patronne de la Bonne Première Communion, Roma: Collegio Angelico, 1923.
  • (NL) Ïmelda, het verhaal van een kleine gelukzalige, geschilderd door Angelicus Maria Beckert O.P. Geschreven in het Duits door Hieronymus Maria Wilms O.P. en door August Seelen in het Nederlands naverteld., Uitgever: St. Laurens Boek- en Kunsthandel te Rotterdam in 1927.
  • Tommaso Alfonsi, La B. Imelda Lambertini domenicana, Parma 1927.
  • Timoteo Centi, La beata Imelda Lambertini vergine domenicana: con studio critico e documenti inediti, Firenze: Edizioni Il rosario, 1955.
  • (FR) Marie Marteau de Langle de Cary, Les saints du calendrier, Paris 1959, tome II, p. 208.
  • Un giglio eucaristico: la beata Imelda Lambertini, vergine-novizia domenicana: compendio della vita, storia del culto e stato attuale delle sue reliquie, con devota novena per ottenere grazie a sua intercessione, Napoli 1974.
  • Gian Ludovico Masetti Zannini, La beata Imelda Lambertini: storia e tradizione, in "Strenna Storica Bolognese" LI (2001), pp. 325-338.
  • Paola Nicoli Aldini, La vita della beata Imelda Lambertini: una nuova prospettiva cronologica, in "I Quaderni del MAES", X (2007), pp. 21-32.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN13101844 · ISNI: (EN0000 0000 6135 118X