Il vagabondo dello spazio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il vagabondo dello spazio
Titolo originaleRogue in Space
AutoreFredric Brown
1ª ed. originale1957
1ª ed. italiana1958
Genereromanzo
Sottogenerefantascienza
Lingua originaleinglese
AmbientazioneXXIII secolo

Il vagabondo dello spazio (Rogue in Space) è un romanzo di fantascienza dello scrittore statunitense Fredric Brown pubblicato nel 1957. Il romanzo è frutto dell'unione di due racconti lunghi precedentemente scritti da Brown, Gateway to Darkness (pubblicato sulla rivista Super Science Stories nel 1949) e Gateway to Glory (Amazing Stories, 1950).

Il romanzo venne pubblicato per la prima volta in italiano nel 1958.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

XXIII secolo. L'Umanità ha colonizzato parte del sistema solare manifestando evidenti segni di decadenza tipica degli antichi imperi, tra corruzione e licenziosità. L'ex astronauta Craig, un criminale schivo e solitario, viene arrestato per detenzione di stupefacenti. Olliver, un giudice e politico ambizioso, gli comunica in un'udienza privata che l'arresto sia un puro pretesto per proporgli un lavoro dietro un lauto compenso. Craig comprende presto e non senza dolore la necessità di una previa condanna penale. Molti criminali infatti vengono sottoposti a lavaggio del cervello per mezzo di apparecchiature che manomettono la personalità e la memoria. Con la complicità dell'avvenente moglie del giudice, Judeth, Craig viene sottoposto ad un trattamento fittizio affinché possa uscire totalmente riabilitato senza intaccare le proprie capacità. Durante la seduta l'uomo racconta dell'incidente costatogli una mano, sostituita da una micidiale protesi, e il suo lavoro di astronauta nonché come sia scaturito l'odio verso le donne, giacché abbandonato da sua moglie.

Craig può tranquillamente recarsi su Marte e ed ottenere un impiego di vigilanza presso il laboratorio di un geniale inventore patito di Thomas Edison, fino a trafugare abilmente un apparecchio tanto ambito da Olliver, apparentemente privo di utilità benché in grado di disintegrare la materia.

Craig, Olliver e Judeth lasciano Marte per raggiungere un piccolo asteroide sperimentandovi con successo l'apparecchio che riduce lentissimamente il volume del corpo celeste. Olliver può rivelare il suo diabolico intento, un uso terroristico contro i pianeti abitati in cambio del potere. Judeth e Craig si oppongono. La donna lancia via l'astronave alla deriva. Craig uccide Olliver. Oramai imprigionati sull'asteroide, sempre più piccolo, e prossimi all'esaurimento dell'ossigeno, Judeth si fa disintegrare assieme al cadavere del giudice. Craig distrugge l'apparecchio e muore.

Nel frattempo è giunto ignorato un altro asteroide, apparentemente simile ad altri ma dotato di autocoscienza e mobilità autonoma. Reduce da un viaggio interminabile, il trio di umani è la prima forma di vita cosciente che il Vagabondo incontra assistendo così alla loro strana fine ma non senza aver prima aver studiato la loro struttura fisica e scandagliato le loro menti. Craig l'unico corpo rimasto intatto viene riportato in vita.

Dapprima stupito e poi indignato per una resurrezione non richiesta, Craig si fa rendere l'astronave dal Vagabondo e riparte, non prima che la strana intelligenza gli comunichi la volontà di creare un nuovo pianeta utilizzando gli Asteroidi, e promettendogli ospitalità. Craig ringrazia e raggiunge Marte ritirando il compenso pattuito. Oramai ricco vorrebbe darsi alla pazza gioia ma gli è più difficile del previsto. Alloggia in una suite di un hotel di lusso, passando il tempo tra ubriacature ed atti di vandalismo, dal momento che la sua misoginia e misantropia lo precludono dagli altri piaceri. Gira per la città cercando guai fino a quando incontra un uomo della sua stoffa, Gardin, con il quale nasce un'amicizia.

Il Vagabondo intanto mantiene la promessa, con la nascita di un nuovo mondo battezzato "inspiegabilmente" Crager. L'uomo sa bene come il nuovo astro sia destinato a lui. Una spedizione terrestre viene infatti respinta e delle sonde automatiche distrutte. Craig è titubante.

Gardin tenta un colpo in una grossa gioielleria ma viene intrappolato dalla polizia e tenuto sotto assedio. Craig convoca la donna di Gardin ed una coppia di fuorilegge per prelevare l'astronave e con questa porre in salvo il loro amico. I cinque fuggono verso il nuovo pianeta che li accoglie. Nonostante siano al sicuro, i compagni non sono propensi ad una vita selvaggia. Craig non può trattenerli e resta solo ma non a lungo, in quanto i poteri infiniti del Vagabondo gli permettono di reincontrare qualcuno che aveva odiato ma anche amato: una rediviva Judeth.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]