Il museo chiude quando l'autore è stanco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il museo chiude quando l'autore è stanco
Titolo originale Il museo chiude quando l'autore è stanco
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia
Anno 2013
Durata 23 min
Rapporto 1.78 (16x9)
Genere documentario, biografico
Regia Paolo Buatti
Produttore Paolo Buatti
Montaggio Paolo Buatti (aiuto montaggio Luca Marino)
Musiche Davide Luciani

Il museo chiude quando l'autore è stanco è un documentario del 2013, nato da un'idea di Paolo Buatti, poi inserito nel catalogo dei Cortometraggi di Cannes 2013 in seguito alla selezione per lo Short Film Corner.

La volontà di fare un documentario su Fausto Delle Chiaie nasce dal desiderio di indagare più a fondo le motivazioni e la filosofia della sua opera. Il suo Open Air Museum è un simbolo di apertura a vari livelli: dell'autore che si svela al mondo e della sua arte che si svela al pubblico. Inoltre è una galleria di “immagini” a cielo aperto che regala innumerevoli spunti di riflessione profonda in un contesto generalmente poco adatto a questo tipo di propositi: la strada.

In questo documentario Fausto Delle Chiaie si racconta da solo, a livello artistico e personale. Attraverso performance improvvisate nate da una materia prima che solo lui sa immaginare opera. Per mezzo di living sculptures, ispirate da uno spunto esterno e involontario, che possono comprendere la sua figura, quella dei visitatori e dei passanti. Ma anche ovviamente un percorso tra oggetti riciclati e frattaglie di materiali, in cui l'arte ironica e informale va oltre le apparenze, diventando critica sociale o esempio, paradosso o boutade. Delle Chiaie si è ritagliato il suo spazio nella Città Eterna ed offre ai passanti una visita a dir poco particolare. Un rapporto speciale con Roma di cui Fausto Delle Chiaie racconta i suoi aspetti. Il rapporto di un artista con la sua “arte”.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema