Il Settimanale (rivista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il Settimanale
StatoItalia Italia
Periodicitàsettimanale
Genererivista
Fondazione1974
Chiusura1981
SedeRoma
Milano
EditoreRusconi
Società Editrice Europa
DirettoreNando Sampietro
Ignazio Contu
 

Il Settimanale è stata una rivista di politica, cultura, economia e attualità fondata da Edilio Rusconi. Fu pubblicata a Roma a partire dal 1974, quindi a Milano, edito dalla Società editrice Europa di Pietro Zullino, dal n. 37 del 1977[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La rivista, popolare, ad alta tiratura, ebbe come caporedattore Franco Finaldi; tra i redattori vi furono Pietro Zullino (che poi divenne direttore), Giovanni Cavallotti e Natale Gilio. Galeazzo Santini, proveniente dal settimanale Successo, diresse la pagina economica, poi sostituito da Giano Accame. Ad Alfredo Cattabiani fu affidata la direzione della pagina culturale.
Il primo numero, che apparve nel novembre 1974, ricevette reazioni contrastanti da parte dell'opinione pubblica; sul settimanale Il Borghese la rivista fu tacciata di vago "centrismo"[2][3][4]. Il Settimanale fu diretto da Nando Sampietro, già direttore di Epoca, e in seguito da Ignazio Contu, già notista politico del quotidiano La Notte.

Nel 1981 fu acquisito da Massimo De Carolis, ex deputato della destra DC,[5] e le pubblicazioni seguirono per qualche anno.

Direttori[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ulrich's International Periodicals Directory: Volumi 18-20, Carolyn Ulrich, Bowker, 1979, p. 749.
  2. ^ Raffaele Costa, Politica e giustizia ai tempi delle BR, Milano, Mondadori, 2008, p. 30.
  3. ^ Roberto Tumbarello, O la borsa o la vita, Roma, Armando, 2014, p. 121.
  4. ^ Valerio Castronovo e Nicola Tranfaglia, Storia della stampa italiana: volume sesto, Bari, Laterza, 1976, p. 241.
  5. ^ Massimo Fini, Una vita: Un libro per tutti. O per nessuno

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Editoria Portale Editoria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di editoria