Ignavusaurus rachelis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Ignavusaurus
Immagine di Ignavusaurus rachelis mancante
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Archosauria
Superordine Dinosauria
Ordine Saurischia
Sottordine Sauropodomorpha
Genere Ignavusaurus
Specie I. rachelis

L’ignavusauro (Ignavusaurus rachelis) è un dinosauro erbivoro appartenente ai sauropodomorfi. Visse nel Giurassico inferiore (Hettangiano, circa 190 milioni di anni fa) e i suoi resti fossili sono stati ritrovati in Africa (Lesotho).

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Sulla base di uno scheletro parziale e ben articolato, è stato possibile per i paleontologi ricostruire un animale lungo circa un metro e mezzo, probabilmente un esemplare giovanile di età inferiore a un anno. Tale stima è stata possibile in base a un calcolo di determinazione dell'età a livello osseo. L'esemplare in questione doveva pesare circa 25 chilogrammi, aveva una corporatura snella, un lungo collo e zampe artigliate.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante i fossili di Ignavusaurus risalgano al Giurassico inferiore, le parentele di questo dinosauro vanno ricercate tra dinosauri primitivi vissuti alcuni milioni di anni prima, all'inizio del Triassico superiore, come Thecodontosaurus e Pantydraco. Questi dinosauri sono considerati sauropodomorfi basali, dalle caratteristiche ancestrali, imparentati con i più specializzati prosauropodi (come Plateosaurus) e con gli antenati dei veri sauropodi giganti (Anchisaurus, Melanorosaurus). Il suo parente più stretto è risultato essere Sarahsaurus dall'Arizona.

Significato del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il nome Ignavusaurus deriva dalla parola latina ignavus, “codardo”, e dall'antico greco sauros, “lucertola”; il riferimento è alla località dove sono stati scoperti i fossili, Ha Ralekoala, che letteralmente significa “posto del padre dei codardi”. Il nome specifico, rachelis, è in onore della paleontologa Raquel López-Antoñanzas.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]