Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Ifrane

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ifrane
comune
إيفران
ⵉⴼⵔⴰⵏ
Ifrane – Veduta
Localizzazione
StatoMarocco Marocco
RegioneFès-Meknès
ProvinciaIfrane
Amministrazione
SindacoAbdesslam Boulahbib (MP)
Territorio
Coordinate33°31′13.04″N 5°06′37.6″W / 33.520288°N 5.110445°W33.520288; -5.110445 (Ifrane)Coordinate: 33°31′13.04″N 5°06′37.6″W / 33.520288°N 5.110445°W33.520288; -5.110445 (Ifrane)
Altitudine1 713 m s.l.m.
Abitanti13 074 (2004)
Altre informazioni
Cod. postale53000
Prefisso212
Fuso orarioUTC+0
Targa23
Cartografia
Mappa di localizzazione: Marocco
Ifrane
Ifrane

Ifrane (in arabo: إيفران‎; in berbero: ⵉⴼⵔⴰⵏ, che significa Caverne) è una città del Marocco, nella provincia omonima, nella regione di Fès-Meknès. È soprannominata la "Piccola Svizzera" ed è considerata la città più pulita del mondo secondo la NBC News.[1][2]

È un centro turistico invernale, per la presenza di piste da sci.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Ifrane si trova sui monti del Medio Atlante ad oltre 1.700 metri di altitudine.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

  • Ad Ifrane si è registrata la temperatura più bassa mai avuta in Africa: ben -23.9 °C. Quest'evento risale all'11 gennaio 1935.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Ifrane è stata fondata durante il protettorato francese nel 1929 proprio in ragione del suo clima alpino, con nevicate e freddo durante l'inverno e temperature fresche d'estate. La città era una sorta di colonia estiva, per le famiglie francesi, e inizialmente fu progettata, secondo il gusto dell'epoca, seguendo lo stile dei paesi alpini.

Fu costruito anche un palazzo reale per il sultano Muhammad ibn Yûsuf. I primi edifici pubblici costruiti in città furono una chiesa, un ufficio postale e in seguito, un penitenziario, utilizzato come campo di prigionia per i soldati nemici durante la seconda guerra mondiale.

Accanto alle abitazioni occupate dagli europei, presto furono costruite abitazioni destinate ai marocchini che lavoravano presso le abitazioni degli occupanti. Questa zona, chiamata Timdiqîn, era separata dall'altra parte della città da una profonda gola.

Dopo l'indipendenza le proprietà francesi vennero man mano acquistate da proprietari marocchini. La città si sviluppò e fu arricchita con la costruzione di una moschea, un mercato comunale e abitazioni di proprietà statale. Allo stesso tempo la zona di Timdiqîn venne ristrutturata.

Nel 1979 Ifrane divenne il capoluogo amministrativo dell'omonima provincia. Qui, nel 1995 ha aperto la Al Akhawayn University, un'università in lingua inglese, rilanciando la località come meta del turismo intero, non solo per il periodo invernale, ma anche per quello estivo.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN241912203
Marocco Portale Marocco: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marocco