Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Hiroko Tsuji

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hiroko Tsuji
Hiroko Tsuji at 57th Grammy Awards Ceremony.jpg
Hiroko Tsuji a 57th Grammy Awards Ceremony 2015.
Nazionalità Giappone Giappone
Genere Pop
Pop rock
Periodo di attività 2006 – in attività
Strumento pianoforte, arpa
Sito web

Hiroko Tsuji (辻 寛子 Tsuji Hiroko?; Toyama, 22 marzo 1986) è una cantante giapponese. Durante il suo tour in Italia nel 2014, ricevette l'onorevole titolo di “Signorina” dai Cavalieri dell'Associazione dei Cavalieri di San Silvestro.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il 28 settembre 2014, Hiroko Tsuji eseguita a CID - UNESCO World Dance Congress Giappone nel Tokyo Disney Resort Ikspiari.[2]

Il 14 novembre 2014 Hiroko Tsuji, insieme al compositore e musicista internazionale Kento Masuda, l'arpista Fabius Constable (Celtic Harp Orchestra), il soprano Donatella Bortone, e il liutista arabo libanese Ghazi Makhoul, si esibirono nel concerto dinamico e multiculturale “5 ELEMENTS LIVE” alla CASA DEI DIRITTI a Milano, Italia.[3][4][5][6]

Il 6 dicembre 2014 Tsuji si esibì all' “Associazione dei Cavalieri di San Silvestro” celebrazione del Monumentalis Ecclesiae Sancti Silvestri Societas a Tivoli, Italia. Il 30 maggio 2015, Tsuji ricevette il titolo di Signorina durante questa performance, quale riconoscimento dall'Ordine di San Silvestro papa, come donna che si è distinta per il suo contributo, per il suo talento musicale e le opere di beneficenza.[1][7]

L'8 febbraio 2015 Tsuji partecipò al prestigioso 57° Grammys a Los Angeles, California.[8][9] Tsuji ha inoltre aderito "We Are One" registrando a Los Angeles, come oggi di We Are The World. Prodotto da David Longoria, e più di 400 artisti di registrazione a cantare insieme.[10]

Il 22 marzo 2016 Hiroko Tsuji pubblicò il suo primo album “Free Yourself” prodotto da Kento Masuda e dal pluripremiato produttore della Florida Gary Vandy. “Free Yourself” è stato registrato nello Studio Auditoria Records di Antonio Chindamo a Como, Italia. “Free Yourself” conta come musicisti Fabius Constable e Simone Tomassini e contiene un libretto di 20 pagine con immagini pittoresche dell'artista.[11][12][13] Ha inoltre ricevuto il riconoscimento globale dei Music Awards globali ed è stato onorato come un vincitore con una medaglia d'argento per "Fly Away" voce femminile di straordinarie conquiste dalla sua ultima versione "Free Yourself" (2016).[14]

Hiroko Tsuji an accoladed by Order of St. Sylvester

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Titolo Data di uscita
1 Free Yourself Stati UnitiGiapponeItalia | 22. maggio 2016

Premi e nomination[modifica | modifica wikitesto]

Anno Premio Piece nomination Categoria Risultato
2016 Global Music Awards "Fly Away" Female Vocal Vinto

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ordine di San Silvestro papa, 2015

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Nuovi Associati, Sancti Silvestri Societas. URL consultato il 12 dicembre 2014.
  2. ^ CID-UNESCO World Dance Congress Giappone nel, youtube. URL consultato il 27 febbraio 2015.
  3. ^ 5 elementi in tensione articolo, Retrieved. URL consultato il 21 novembre 2015.
  4. ^ Iniziative dedicate al 25 novembre, Notizie dalle associazioni. URL consultato il 12 febbraio 2015.
  5. ^ Tour / News, Celtic Harp Orchestra. URL consultato il 12 febbraio 2015.
  6. ^ 5 ELEMENTS LIVE in Milano, Vamos. URL consultato il 12 febbraio 2015.
  7. ^ Nuovi Associati, Sancti Silvestri Societas. URL consultato il 12 dicembre 2014.
  8. ^ MasterCard Red Carpet, MasterCard. URL consultato il 27 febbraio 2015.
  9. ^ Grammy Weekend Party, contactmusic. URL consultato il 27 febbraio 2015.
  10. ^ We Are One, We Are One Concerts Organization. URL consultato il 23 agosto 2016.
  11. ^ Campfire, CAMPFIRE. URL consultato il 29 marzo 2016.
  12. ^ Gary Vandy Discography, Gary Vandy Audio Productions, Inc.. URL consultato il 29 marzo 2016.
  13. ^ allmusic discography, Rovi Corporation. URL consultato il 29 marzo 2016.
  14. ^ Global Music Awards, Global Music Awards. URL consultato il 3 dicembre 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]