Henri Ramière

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Henri Ramière

Henri Ramière (Castres, 10 luglio 1821Tolosa, 3 gennaio 1884) è stato un gesuita francese, propagatore della devozione al Sacro Cuore di Gesù, pubblicò l'Abandon à la providence divine (L’abbandono alla Provvidenza Divina), un piccolo libro di spiritualità attribuito a Jean-Pierre de Caussade[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver studiato nei collegi gesuiti di Pasajes e Friburgo, nel 1839 entrò nella Compagnia di Gesù e nel 1847 venne ordinato sacerdote.

Fu professore di filosofia allo Stonyhurst College e di teologia presso il seminario di Vals-près-le-Puy: nel 1861 fondò la rivista Messaggero del Sacro Cuore attraverso il quale promosse la diffusione dell'Apostolato della Preghiera, ideato dal suo confratello François-Xavier Gautrelet.

Fu avversario di Giovanni Maria Cornoldi nella polemica tra atomismo e ilemorfismo.

Partecipò al concilio Vaticano I come teologo e consultore del vescovo di Beauvais; tra il 1871 e il 1875 fu direttore aggiunto della rivista Étvdes, a Lione.

Fu professore di diritto naturale e teologia presso l'Institut catholique di Tolosa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rimasto allo stato di manoscritto, quest'opuscolo fu scoperto da Henri Ramière e pubblicato per la prima volta nel 1861. Da allora non è più cessato il favore del pubblico. Tradotto in numerose lingue, continua a venir rieditato (ultima riedizione: 1966)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • P. Galtier, in Dictionnaire de Théologie Catholique, vol. XIII, Paris 1937, pp. 1649-1651.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN24735362 · LCCN: (ENno2001009536 · ISNI: (EN0000 0001 1609 1961 · GND: (DE123957311 · BNF: (FRcb13001982g (data)