Henri Caffarel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Henri Caffarel

Henri Caffarel (Lione, 30 luglio 1903Troussures, 18 settembre 1996) è stato un presbitero e mistico francese. Impegnato nei temi della famiglia, fu il fondatore delle Équipes Notre-Dame, associazione di coppie cattoliche sposate, e di altri gruppi in supporto alla vedovanza.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Castello di Troussures.

Ordinato sacerdote nel 1930[1], fin dall'inizio del suo ministero si orientò alla pastorale delle coppie; ad alcuni suoi scritti dei primi anni quaranta, Lettre à des jeunes foyers (Lettere a dei giovani focolari, 1942) e L'Anneau d'or (L'Anello d'oro, 1945[1]) fece seguito, nel 1947, la stesura di quello che fu il documento istitutivo delle Équipes Notre-Dame, associazione che si proponeva lo scopo di dare una linea guida spirituale alle coppie sposate, in linea con gli insegnamenti del vangelo[1].

Si deve a lui anche l'istituzione di Espérance et Vie (Speranza e Vita), movimento spirituale di vedove, e della Fraternité Notre-Dame de la Résurrection, anch'esso destinato alle donne che hanno perso il marito.

Diresse le associazioni da lui fondate fino al 1973[1], poi, giunto ai settant'anni, si ritirò a Troussures, dove aveva fondato un centro di preghiera[2], in linea con la sua visione spirituale secondo la quale la preghiera sarebbe il luogo privilegiato dell'incontro con Dio[2].

Morì a Troussures nel 1996 e nel 2005 le Équipes Notre-Dame ne proposero la causa di beatificazione[3], tuttora in esame.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Padre Caffarel, fondatore delle Équipes Notre-Dame, su equipes-notre-dame.com. URL consultato il 25 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 18 dicembre 2010).
  2. ^ a b (FR) Père Caffarel et l'Oraison, su henri-caffarel.org. URL consultato il 25 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 9 novembre 2015).
  3. ^ (FR) Pourquoi demander la béatification du père Caffarel? (PDF), su henri-caffarel.org. URL consultato il 25 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN73850899 · ISNI (EN0000 0001 0200 9306 · LCCN (ENn50032824 · GND (DE121123480 · BNF (FRcb11894766c (data)