Heinz Piontek

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Heinz Piontek (Kreuzburg, 15 novembre 1925Rotthalmünster, 26 ottobre 2003) è stato un poeta, scrittore e traduttore tedesco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Originario della Silesia, nel secondo dopoguerra si stabilì a Monaco di Baviera, dove lavorò da operaio e completò il liceo.[1] Successivamente frequentò per breve tempo la Hochschule di Dillingen sul Danubio, dove studiò germanistica.[1]

Attivo dal 1948, si impose come poeta lirico, legato alla tradizione naturalistico-esistenzialista di Karl Krolow, Wilhelm Lehmann e Georg Britting.[2] Fu in diretta e costante polemica con i poeti sperimentali e con gli autori impegnati politicamente.[2] Oltre all'attività poetica, fu autore di 4 romanzi, storie brevi, saggi, drammi teatrali e radiofonici.[1][2] Inoltre tradusse John Keats e curò diverse antologie.[3] Fu insignito di numerosi riconoscimenti, tra cui il Premio Büchner nel 1976.[1][3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Henry Burnand Garland, Henry Garland e Mary Garland, Piontek, Heinz, in The Oxford Companion to German Literature, Oxford University Press, 1997, ISBN 978-0-19-815896-7.
  2. ^ a b c Raymond Furness e Malcolm Humble, Piontek, Heinz, in A Companion to Twentieth-Century German Literature, Routledge, 2003, ISBN 978-1-134-74764-1.
  3. ^ a b John Sandford, Piontek, Heinz, in Encyclopedia of Contemporary German Culture, Routledge, 2013, ISBN 978-0-41-526352-8.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN54162175 · ISNI (EN0000 0001 0901 9881 · Europeana agent/base/134686 · LCCN (ENn50010924 · GND (DE118641689 · BNF (FRcb12027803s (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n50010924