Heinrich Nissen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rilievo in bronzo di Heinrich Nissen dello scultore Albert Küppers

Heinrich Nissen (Haderslev, 3 aprile 1839Bonn, 29 febbraio 1912) è stato uno storico tedesco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studiò a Kiel ed a Berlino con August Boeckh e Theodor Mommsen. Dopo la laurea, viaggiò in Italia tra il 1863 ed il 1867. Gli appunti delle sue ricerche vennero poi pubblicati nella sua opera principale Italischen Landeskunde (1883 e 1902).

Nel 1869 divenne professore associato all'Università di Marburgo, dove l'anno seguente ottenne una cattedra completa. Nel 1877 si trasferì all'Università di Göttingen come professore di storia antica, e poco dopo, fu professore a Strasburgo.

Nel 1884, venne eletto successore di Arnold Schaefer all'Università di Bonn. Lì, a differenza del suo predecessore, insegnò esclusivamente storia antica. Fu un pioniere nelle ricerche epigrafiche - basandosi sui suoi studi realizzati durante i suoi anni in Italia - dedicandosi all'archeologia delle province romane. È stato cofondatore della Reichs-Limes-Kommission. Nissen è considerato come il primo archaeoastronomo al mondo.[1]

Si ritirò nell'autunno del 1911, lasciando la cattedra a Ulrich Wilcken. Dopo la morte venne inumato nel Poppelsdorfer Friedhof (cimitero di Poppelsdorfer).

Fu lui che il 18 maggio del 1866 comunicò a Theodor Mommsen, da Cagliari, il ritrovamento della Tavola di Esterzili.[2]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Pompeji, Lüderitz, Berlin 1867
  • Pompeianische Studien. Leipzig 1877
  • Italische Landeskunde: Bd. 1 Land und Leute, Berlin 1883; Bd. 2: Die Städte (2 Teilbände), Berlin 1902
  • Orientation, Studien zur Geschichte der Religion, 3 v. in 1, Berlin: Weidmann, 1906-1910.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ruggles 2005:312-3
  2. ^ Mastino 2009, pag.143

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN19759419 · ISNI (EN0000 0000 6629 5420 · LCCN (ENno92021320 · GND (DE117022829 · BNF (FRcb123830877 (data) · BAV ADV10083393