Hans von Plessen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Hans Georg Hermann von Plessen

Hans Georg Hermann von Plessen (Spandau, 26 novembre 1841Potsdam, 28 gennaio 1929) è stato un generale prussiano[1][2].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Discendente da una nobile famiglia, Plessen era il figlio del tenente generale Hermann von Plessen, e di sua moglie, Pauline Sophie Adelaide Meyer.

Carriera militare[modifica | modifica wikitesto]

Il 21 settembre 1861 divenne cadetto nel 2º reggimento dei granatieri Kaiser Franz Garde[3]. Nel 1862 è stato promosso a sottotenente e, nel 1864, prese parte alla guerra tra Germania e Danimarca. Nel 1869 fu promosso a tenente e come tale ha preso parte alla guerra franco-tedesca negli assedi di Toul, Metz e Parigi, così come alle battaglie ad Orléans, Le Mans, Dreux, Madeleine, Bellême, Meung-sur-Loire, Beaugency e Quesques. Nel 1879 divenne aiutante di campo dell'imperatore Guglielmo I.

Plessen (prima fila, il terzo da sinistra), alle manovre imperiali nel 1905.

Nel 1885 è stato promosso a tenente colonnello, nel 1888 a colonnello, e nel 1891 a maggiore generale. Nel 1892 era in servizio con il generale nell'entourage dell'imperatore, nonché comandante del quartier generale imperiale. Nel 1894 fu nominato aiutante di campo e promosso a tenente generale.

È stato tra l'altro comandante del 1º reggimento di fanteria, capo del corpo di polizia a cavallo e capo del 3º battaglione di Brandeburgo.

Il 17 novembre 1918, si è dimesso come comandante del comando generale con il grado di Maresciallo dal servizio attivo e condotto in esilio al Castello di Amerongen[4]. Al momento della sua partenza dal servizio militare all'età di 76 anni è stato il più vecchio ufficiale attivo in Germania.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Sposò, il 24 gennaio 1874 a Berlino, Elisabeth von Langenbeck (7 febbraio 1850-17 dicembre 1917), figlia di Bernhard von Langenbeck. Ebbero cinque figli, di cui due femmine che morirono in tenera età e tre maschi, che intrapresero la carriera militare: Hans, Bernhard e Wilhelm.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze prussiane[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Nera - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Nera
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dell'Aquila Rossa - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dell'Aquila Rossa
Cavaliere dell'Ordine della Corona (Prussia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Corona (Prussia)
Cavaliere dell'Ordine di Hohenzollern - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di Hohenzollern
Croce di ferro - nastrino per uniforme ordinaria Croce di ferro
— 1870
Cavaliere dell'Ordine Pour le Mérite - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Pour le Mérite
— 24 marzo 1918

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della corona del Württemberg - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della corona del Württemberg
Cavaliere dell'Ordine di Sant'Uberto - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di Sant'Uberto
Cavaliere dell'Ordine della corona fiorata - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della corona fiorata
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona Wendica - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona Wendica
Gran Cordone dell'Ordine di Leopoldo - nastrino per uniforme ordinaria Gran Cordone dell'Ordine di Leopoldo
Cavaliere dell'Ordine della Corona Ferrea - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Corona Ferrea
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Imperiale di Francesco Giuseppe - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Imperiale di Francesco Giuseppe
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale di Santo Stefano d'Ungheria - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale di Santo Stefano d'Ungheria
Commendatore dell'Ordine del Dannebrog - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine del Dannebrog
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine reale vittoriano - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine reale vittoriano
Cavaliere dell'Ordine di Sant'Andrea - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di Sant'Andrea
Cavaliere dell'Ordine dei Serafini - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dei Serafini

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ vergl. M. Naumann: Die Plessen. Stammfolge vom XIII. bis XX. Jahrhundert. C.A. Starke Verlag
  2. ^ Kurt von Priesdorff: Soldatisches Führertum. Hanseatische Verlagsanstalt Hamburg, o.J., S. 188
  3. ^ 1. Garderegiment zu Fuß, Kommandeure, su erstes-garderegiment.de. URL consultato il 17 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2015).
  4. ^ Vgl. Rezension Biographische Skizze in: Kaiser Wilhelm II als Oberster Kriegsherr im Ersten Weltkrieg, hrsg. von Holger Afflerbach, München 2005, Akademie Aktuell, Heft 1/2007 (PDF-Datei; 156 kB S. 5)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Genealogisches Handbuch des Adels, Adelige Häuser A Band I, Seite 258, Band 5 der Gesamtreihe, C. A. Starke Verlag, damals Glücksburg, heute Limburg (Lahn) 1953
  • M. Naumann: Die Plessen. Stammfolge vom XIII. bis XX. Jahrhundert. Limburg an der Lahn 1971
  • Holger Afflerbach (Hrsg.): Kaiser Wilhelm II. als Oberster Kriegsherr im Ersten Weltkrieg. Quellen aus der militärischen Umgebung des Kaisers 1914–1918. Oldenbourg, München 2005. ISBN 3-486-57581-3 (Plessens Kriegsbriefe und Tagebuch)
  • Biographische Skizze in: Kaiser Wilhelm II als Oberster Kriegsherr im Ersten Weltkrieg, hrsg. von Holger Afflerbach, München 2005, Akademie Aktuell: Rezension (PDF-Datei; 156 kB), Heft 1/2007, S. 37f.
  • Karl-Friedrich Hildebrand, Christian Zweng: Die Ritter des Ordens Pou le Mérite des I. Weltkriegs. Band 3: P–Z, Biblio Verlag, Bissendorf 2011, ISBN 3-7648-2586-3, S. 40–41

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN72499365 · ISNI (EN0000 0000 1744 4450 · GND (DE130425737 · WorldCat Identities (ENviaf-72499365