Hans Baur

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Johann "Hans" Peter Baur
Hans Baur.jpg
19 giugno 1897 – 17 febbraio 1993
(95 anni)
Nato aAmpfing
Morto aHerrsching
Dati militari
Paese servitoGermania Impero Tedesco
Germania Repubblica di Weimar
Germania Germania nazista
Anni di servizio1915 - 1918
1933 - 1945
GradoSS-Gruppenführer
Generalleutnant der Polizei
GuerrePrima guerra mondiale
Seconda guerra mondiale
DecorazioniCroce di Ferro di I classe
Komtur Cross
PubblicazioniMit Mächtigen Zwischen Himmel und Erde
voci di militari presenti su Wikipedia

Johann "Hans" Peter Baur (Ampfing, 19 giugno 1897Herrsching, 17 febbraio 1993) è stato un ufficiale tedesco, pilota personale di Adolf Hitler.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È stato il pilota del leader della Germania nazista Adolf Hitler già durante le campagne politiche negli anni '20 e negli anni '30. Successivamente dal 1932 divenne il pilota personale di Hitler e comandante dello squadrone Reichsregierung. Fino al 1945 trasportò sul suo aereo molti personaggi illustri: dal nunzio apostolico a Monaco, Eugenio Pacelli, futuro papa Pio XII, al maestro Arturo Toscanini, a tutti i più importanti gerarchi nazisti, compreso Joachim von Ribbentrop quando nell'agosto nel 1939 volò a Mosca per firmare con Molotov il celeberrimo patto.

Dal 20 aprile 1945 rimase con Hitler nel bunker della Cancelleria e fu testimone delle sue ultime ore. Catturato dai Sovietici alla fine della seconda guerra mondiale in Europa, ha trascorso dieci anni di prigionia in Unione Sovietica prima di essere rilasciato il 10 ottobre 1955 ai Francesi, che lo imprigionarono fino al 1957.

Nel 1971 ha scritto un libro di memorie, "Con il potere dei cieli e della terra" (orig. Mit Mächtigen Zwischen Himmel und Erde).

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Insegna d'oro del Partito Nazionalsocialista dei Lavoratori Tedeschi - nastrino per uniforme ordinaria Insegna d'oro del Partito Nazionalsocialista dei Lavoratori Tedeschi
SS-Ehrenring - nastrino per uniforme ordinaria SS-Ehrenring

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • B.P. Boschesi, Il chi è della Seconda Guerra Mondiale - Vol. I, Mondadori Editore, 1975 – pag. 37

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN18013135 · ISNI: (EN0000 0001 0957 3786 · LCCN: (ENn85372824 · GND: (DE118507664