Guido Molinelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Guido Molinelli
Guido Molinelli senato.jpg

Deputato dell'Assemblea Costituente
Gruppo
parlamentare
Comunista
Collegio Ancona
Sito istituzionale

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature I, II
Gruppo
parlamentare
Comunista
Collegio Pesaro-Fano
Sito istituzionale

Deputato del Regno d'Italia
Legislature XXVII
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Comunista Italiano
Titolo di studio laurea in fisica e matematica
Professione giornalista, impiegato

Guido Molinelli (Chiaravalle, 27 settembre 1894Roma, 6 gennaio 1964) è stato un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Iscritto sin da giovane al Partito Socialista Italiano, nel 1920 partecipa attivamente alla rivolta dei Bersaglieri ad Ancona. In questo periodo collabora con i giornali L'Avanti e il locale Bandiera rossa.[1]

Nel 1921 aderisce alla mozione del XVII Congresso del Partito Socialista Italiano di Livorno che sancisce la nascita del Partito Comunista d'Italia; nello stesso anno è nominato segretario della Camera del lavoro di Macerata.[1]

Nel 1922 fa parte degli Arditi del popolo e viene arrestato poco prima dell'occupazione fascista di Ancona con l'accusa di attività sovversiva.[1]

Nel 1924 viene eletto alla Camera dei deputati del Regno d'Italia, ma viene arrestato nel 1926 e confinato a Ustica con Antonio Gramsci. Condannato a quattordici anni di reclusione, viene liberato nel 1932 dopo l'indulto concesso in occasione del decennale della marcia su Roma. Arrestato nuovamente nel 1940, dopo l'Armistizio del 1943, trova riparo a Bari dove partecipa al primo congresso nazionale dei Comitati di liberazione.[1]

Sottosegretario al Ministero dell'industria e commercio nel secondo Governo Bonomi, nel 1945 è dapprima deputato della Consulta, successivamente dell'Assemblea Costituente e poi Senatore di diritto nella I legislatura. Rieletto nella II, diventa sindaco della sua città natale.[1]

Muore a Roma nel 1964.[1]

Archivio[modifica | modifica wikitesto]

La documentazione è conservata dall'Istituto regionale per la storia del movimento di liberazione delle Marche di Ancona e depositate probabilmente da parte dei suoi familiari, subito dopo la sua costituzione.[2]

Le carte riguardano il secondo dopoguerra e la attività di Molinelli come politico. Sono presenti relazioni ed inchieste sulla situazione politico economica italiana. Alcune carte riguardano articoli scritti per il giornale Bandiera Rossa nei primi anni Venti. Il fondo conserva anche alcune riviste.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f SIUSA.
  2. ^ a b Molinelli Guido - fondo, su SIUSA - Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche. URL consultato il 19 marzo 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Guido Molinelli, su SIUSA - Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche. URL consultato il 19 marzo 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN90219223 · ISNI (EN0000 0004 1967 9228 · SBN IT\ICCU\IEIV\059979