Gruppo Rocher

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gruppo Rocher
Logo
StatoItalia Italia
Fondazione1959 a La Gacilly
Fondata da Yves Rocher
Sede principaleRennes
Persone chiave
SettoreModa
Prodotti Cosmetica, bellezza, benessere e tessile (abbigliamento e casa)
Fatturato2,3 miliardi di euro (2021)
Dipendenti17.046 (2021)
Sito webwww.yves-rocher.com/

Il Gruppo Rocher è un gruppo a conduzione familiare fondato nel 1959 da Yves Rocher a La Gacilly e con quartier generale a Rennes. Nel tempo ha diversificato nei prodotti per la cura del corpo, l'abbellimento della casa e nell'abbigliamento. È presente sui mercati in 119 Paesi, offre i suoi servizi a 50 milioni di clienti[3] ed è guidato dal 2010 dal nipote del fondatore, Bris Rocher[4].

Oltre a Yves Rocher, il gruppo comprende anche 9 marchi: Petit Bateau, Stanhome, Dr. Pierre Ricaud, Daniel Jouvance, Kiotis, ID Parfums, Flormar, Sabon e Arbonne[5]. L'azienda dispone di un orto botanico chiamato Jardin botanique Yves Rocher de La Gacilly. Il Gruppo Rocher è stato il primo gruppo internazionale, nel 2019, ad adottare formalmente e legalmente lo status di “mission-driven company”: gli obiettivi economici si muovono in parallelo a quelli etico-sociali in accordo con un impegno costante alla salvaguardia della biodiversità[6].

Tutti i marchi appartenenti al Gruppo Rocher, tra i quali anche Yves Rocher, hanno l’obiettivo di diventare B Corp[7] entro il 2025[8].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Yves Rocher è il primo marchio che nasce nella soffitta di casa a La Gacilly, in Bretagna, dove lo stesso Mr. Yves Rocher inizia nel 1959 a fabbricare e vendere per posta le sue prime creme a base di una pianta dalle virtù medicinali, la ficaria. Questo primo prodotto è una cura per le emorroidi. Come risultato dell'interesse suscitato, intuisce che un'offerta di erbe non farmaceutiche può trovare il suo spazio nel mercato del beauty e della cura per la persona.[9] Da qui nasce il concetto di Cosmétique Végétale®.[10] Nel 1965 Yves Rocher lancia il suo primo Libro Verde della Bellezza, un catalogo annuale. Nel 1969 apre la sua prima boutique nel boulevard Haussmann a Parigi, avviando una diversificazione delle modalità di distribuzione.[11] Lo stesso anno, il primo sito industriale è creato a La Croix des Archers.

Negli anni Settanta e nei primi anni Ottanta sono aggiunti i siti di produzione di La Gacilly nel 1978, dedicato al make-up, e di Ploërmel nel 1982, dedicato ai profumi. Nel 1979 viene aperto il sito industriale di Rieux, in Bretagna, dedicato al trucco. Contemporaneamente sono creati marchi diversi che si aggiungono allo storico marchio Yves Rocher. Negli anni Ottanta sono creati i marchi Daniel Jouvance, in cosmetologia marina, poi Dr. Pierre Ricaud con soluzioni anti-invecchiamento. Nel 1988 è acquistato il marchio Petit Bateau, mettendo così piede anche nel campo lasciando il campo dell'abbigliamento.

Nel 1991 viene creata la Fondazione Yves Rocher per la protezione della natura.

Nel febbraio 2018 rileva Arbonne International, società fondata in Svizzera nel 1975 e spostata in California nel 1980, e Natural's Gate, note per l'approccio botanico e vegano nel mondo del beauty e della nutrizione.[12]

Nel 2019 il Gruppo Rocher diventa “mission-driven company”, prima realtà internazionale ad adottare tale status. Oltre alle finalità economiche, il gruppo si impegna a generare un impatto benefico su persone, comunità, territori e ambiente, beni e attività culturali e sociali, enti e associazioni e a tutti i suoi portatori di interesse. Nel solco di questo cambiamento, Yves Rocher Italia assume nel 2021 la forma di Società Benefit[13].

Da ottobre 2020, con l’obiettivo di ridurre al massimo l’utilizzo di plastica impiegata nei propri packaging entro il 2025, tutti i flaconi prodotti presso i siti produttivi di Gruppo Rocher sono 100% in plastica riciclata e riciclabile[14].

Nel 2021 è stato presentato il documento di performance extra-finanziaria[15]: in questa occasione, tra gli obiettivi dei marchi del Gruppo Rocher è stato indicato anche quello della trasformazione in B Corp entro il 2025[7].

Sempre nel 2021 La Gacilly è entrata a far parte dell’UEBT (Union for the Ethical Biotrade): le 9 piante emblematiche (Fiordaliso, Malva, Matricaria, Camomilla, Arnica, Calenda, Nasturzio, Carpobrotus Edulis ed Erba Cristallina) sono certificate UEBT, ovvero ottenute nel rispetto delle persone e della biodiversità[16].

Fondazione Yves Rocher[modifica | modifica wikitesto]

Avviata nel 1991, la Fondazione Yves Rocher è stata portata avanti dal figlio Jacques Rocher, che è subentrato al padre.

Nel 2001 la Fondazione ha istituito il Premio Terre de Femmes, dedicato alle eroine che si sono impegnate nel lavoro per la biodiversità e nel cambiare il mondo[17].

Tra le iniziative sostenute dalla Fondazione Yves Rocher anche Plant For Life, che ha fissato a 135 milioni di alberi piantati l’obiettivo da raggiungere entro il 2025[18].

A sostegno di studiosi, ricercatori e botanici per la protezione della biodiversità, la Fondazione Yves Rocher supporta anche il mondo della fotografia, con il Premio della Fotografia e il Festival della Fotografia, che ogni estate si tiene a La Gacilly[19].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Carlo Bertolatti, nuovo general manager di Yves Rocher Italia - Primaonline, su primaonline.it.
  2. ^ Yves Rocher Italia, il nuovo general manager è Carlo Bertolatti - MilanoFinanza.it, su milanofinanza.it.
  3. ^ Digitale e sostenibilità Groupe Rocher e Google - ictBusiness.it, su ictbusiness.it.
  4. ^ Il nuovo titolare di Yves Rocher promette di mantenere l'indipendenza del gruppo - Notizie : business (#88990), su it.fashionnetwork.com.
  5. ^ Année 2017 - Yves Rocher : Toute l'actu de la fondation de cosmétique végétale, su lsa-conso.fr.
  6. ^ Yves Rocher Italia diventa società benefit - Adnkronos.com, su adnkronos.com.
  7. ^ a b Non solo ‘green’: così il mondo beauty sta ampliando il concetto di sostenibilità - la Repubblica, su repubblica.it.
  8. ^ Media Key: Yves Rocher vincitore dei premi sostenibilità e responsabilità sociale, su mediakey.tv.
  9. ^ (FR) Benoist Simmat, Yves Rocher fondu d’or vert, in Libération, 15 settembre 2013.
  10. ^ (FR) Clémentine Joléo, Création d'entreprise: L'improbable aventure d'Yves Rocher, in Économie matin, 23 gennaio 2013.
  11. ^ (FR) Vlandrieu, Yves Rocher, une affaire d'hommes, in Les Échos, 17 febbraio 2010.
  12. ^ Rocher acquista Arbonne, su beauty.pambianconews.com, 5 febbraio 2018. URL consultato il 27 novembre 2018.
  13. ^ Yves Rocher diventa società benefit - Beauty & Fitness - ANSA.it, su ansa.it.
  14. ^ Yves Rocher con i flaconi 100% in plastica riciclata e riciclabile - BeautyBiz, su beautybiz.it.
  15. ^ Declaration of Extra-Financial Performance, su groupe-rocher.com.
  16. ^ Yves Rocher, la primera firma francesa en obtener la certificación UEBT, su revistabeautyprof.com.
  17. ^ Yves Rocher a sostegno di Terre de Femmes, le premiate- iO Donna, su iodonna.it.
  18. ^ La fondazione Yves Rocher «pianta alberi» per migliorarci la vita, su vanityfair.it.
  19. ^ La Gacilly, il festival di foto che sposa la natura - Sulle Strade del Mondo, su sullestradedelmondo.it.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN129844712 · ISNI (EN0000 0001 0660 1825 · WorldCat Identities (ENviaf-129844712

https://www.yves-rocher.it/