Grotta Cuoco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Grotta Cuoco
StatoItalia Italia
RegionePuglia Puglia
ProvinceBrindisi Brindisi
Taranto Taranto
ComuniVilla Castelli
Ceglie Messapica
Martina Franca

La grotta Cuoco è sita nel territorio del Monte Fellone tra i comuni di Villa Castelli, Martina Franca e Ceglie Messapica è ubicata nei pressi all'omonima masseria del XVIII secolo.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Ha un'apertura verticale e raggiunge una lunghezza di 120 metri. Il primo rilievo topografico è stato effettuato nel 1953 dalla Commissione Grotte Eugenio Boegan di Trieste.[1] La grotta ospita una cospicua comunità di pipistrelli (tra i quali, oltre alle specie più comuni, anche il Rhinolophus hipposideros, il Rhinolophus ferrumequinum ed il Rhinolophus mehelyi famosi per la caratteristica capacità di Ecolocalizzazione), questi piccoli e delicati mammiferi notturni che trovano rifugio nelle numerose grotte del monte, si rivelano incredibilmente utili in quanto eliminano gli insetti nocivi per l'agricoltura, e contribuiscono a mantenerne integro il fragile ecosistema naturale oltre ad essere indice di un habitat incontaminato e ricco d'acqua.

Tutela[modifica | modifica wikitesto]

Risalgono agli anni 90 i primi interventi di tutela da parte del Gruppo Speleologico Martinese in collaborazione con la sezione WWF di Martina Franca.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ P. Scialpi, I Mirmidoni e Villa Castelli, Edizioni Pugliesi, Martina Franca 2005.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Puglia Portale Puglia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Puglia