Great Serpent Mound

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Great Serpent Mound
Serpent Mound1 HRoe 2005.jpg
CiviltàAdena
Utilizzo?
Epocaincerta
Localizzazione
StatoStati Uniti Stati Uniti
ConteaAdams County
Dimensioni
Altezza1,5 m
Larghezza6 m
Amministrazione
Visitabile
Mappa di localizzazione

Coordinate: 39°01′33.09″N 83°25′49.6″W / 39.025858°N 83.430444°W39.025858; -83.430444

Veduta aerea del sito

Il Great Serpent Mound, talvolta chiamato anche semplicemente Serpent Mound, è un celebre sito archeologico della città statunitense di Peebles, nell'Ohio, consistente in un tumulo a forma di serpente realizzato forse dalla tribù di nativi americani degli Adena in un'epoca compresa tra il 1800 a.C. e il 400 d.C.[1] o forse tra il 1000 e il 1200 d.C.[2][3]. Si tratta del più grande tumulo di questo genere rinvenuto negli Stati Uniti.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il sito è situato nella valle del fiume Ohio e domina il Brush Creek.[1]

Il tumulo misura 411 m in lunghezza[1] (1.300 piedi[2][4][5]), 6 metri in larghezza[1] (20-25 piedi[2]), 6 metri in larghezza[1] (20-25 piedi[2]) e 1,5 in altezza[1] (3 piedi[4]).

Il tumulo raffigura un serpente mentre si sta srotolando.[1] A una delle due estremità è raffigurata la bocca nell'atto di ingoiare un uovo.[1][5]

Mappa del sito

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Studi[modifica | modifica wikitesto]

I primi studi sul sito furono effettuati a partire dagli anni quaranta del XIX secolo.[2]

Nel 1883, il sito venne visitato da Frederick Ward Putnam dell'Università di Harvard, che in seguito iniziò un'opera di restauro.[6] In seguito, nel 1900, l'Università di Harvard cedette il sito allo Stato dell'Ohio.[6]

Nel 1933, uscì un saggio redatto da W.H. Buchet, in cui il sito fu definito come "criptovulcanico".[4]

Nel 1947, R.D. Dietz parlò invece di "criptoesplosione".[4]

Teorie sull'utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

Secondo una teoria, il sito sarebbe servito per interpretare le fasi lunari.[5]

Secondo altri studiosi rappresenterebbe il serpente che in una leggenda indiana ingoia il sole.[3]

Secondo un'altra teoria, proposta nel 1909 dal reverendo battista Landon West, si tratterebbe invece di una raffigurazione del serpente legato al peccato originale.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i A.A.V.V., U.S.A., Dorling Kindersley, London, 2004-2008 - Mondadori, Milano, 2004-2008-2010, p. 405
  2. ^ a b c d e Great Serpent Mound, Metmuseum. URL consultato il 10 luglio 2016.
  3. ^ a b Serpent Mound - Mysteries, Ancient Ohio Trial. URL consultato l'11 luglio 2016.
  4. ^ a b c d The Great Serpent Mound, Great Serpent Mound. URL consultato l'11 luglio 2016.
  5. ^ a b c d The Great Serpent Mound, Atlas Obscura. URL consultato l'11 luglio 2016.
  6. ^ a b Serpent Mound - History, Ancient Ohio Trial. URL consultato l'11 luglio 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN315130422